Valigia, i trucchi per ritirarla per primi dal nastro trasportatore

CHICAGO, IL - MARCH 24: Passengers wait for their luggage at the U.S. Airways baggage carousel at O'Hare International Airport March 24, 2003 in Chicago, Illinois. Airline stocks dropped after Delta Airlines announced a reduction of services March 24, following similar cutbacks made recently by Continental, Northwest and United Airlines. (Photo by Scott Olson/Getty Images)

Valigia, croce e delizia del viaggiatore. Se per qualche settimana diventa la nostra casa portatile, è anche fonte di stress: le misure e i pesi da non superare, le cose da non portare e poi, at last but not at least, l’attesa snervante al nastro trasportatore.

Minuti che sembrano un’eternità, soprattutto quando vediamo tutti gli altri passeggeri ritirare il loro bagaglio e noi siamo ancora lì, carichi di paure e paranoie che qualcuno si sia smarrito la nostra valigia, imbarcandola sul volo sbagliato. Poi, alla fine, la vediamo scivolare sul nastro e la inseguiamo affannosamente per tornarcene finalmente a casa o in albergo.

Ma come fare per evitare lo stress dell’attesa del nastro? Ci rispondono gli addetti alle rampe e ai gate su Quora: “La cosa migliore è essere tra gli ultimi passeggeri a fare il check-in e consegnare il bagaglio per la stiva. Facendo il check-in all’ultimo, le tue valige andranno a finire nell’ultimo carrello portabagagli, che sarà poi l’ultimo caricato sull’aereo, e il primo a essere scaricato una volta a destinazione. I tuoi bagagli saranno così i primi a uscire sul nastro trasportatore alla riconsegna”.

Perciò, il tempo che guadagnate facendo il check-in per primi lo perderete in attesa del vostro bagaglio: se sei tra i primi a fare il check-in la tua valigia sarà tra le ultime a uscire sul nastro trasportatore.

In alternativa, se proprio non riuscite a far tardi al check-in, chidete prima che la vostra valigia venga imbarcata di apporre un adesivo “fragile”: in questo modo verrà caricata per ultima e quindi scaricata per prima.

RECIFE, BRAZIL - FEBRUARY 04: A Carnival dancer hides in a suitcase to surprise people arriving in the baggage claim area at Guararapes Gilberto Freyre International Airport on February 4, 2016 in Recife, Pernambuco state, Brazil. Officials say as many as 100,000 people may have already been exposed to the Zika virus in Recife, although most never develop symptoms. Tourists are arriving in the city for its famed Carnival celebrations which begin tomorrow. (Photo by Mario Tama/Getty Images)

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 9 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO