Giornata Internazionale del Museo: i musei più bizzarri d'Italia

547063_10150683588599732_1760417937_n.jpg

Il 18 maggio è la Giornata Internazionale dei Musei e per l’occasione migliaia di musei pubblici in Italia saranno aperti  con esposizioni e numerose attività.
Ma l’Italia non è fatta solo di musei che custodiscono prestigiosi dipinti, sculture maestose oppure fossili e scheletri di dinosauri, ma anche tanti luoghi dove ammirare tantissime cose che mai penseresti di trovare in un museo.

Al di là dei più noti musei, infatti, a destare interesse sono anche le esposizioni poco conosciute, che attirano molti visitatori per il loro lato bizzarro e irriverente. Per celebrare in maniera originale la Giornata internazionale dei Musei, che si celebra ogni anno il 18 maggio, scegliete uno tra questi musei stravaganti, dove ammirare qualcosa di veramente unico.



  • Museo del Coltello Sardo  (Cagliari). In Sardegna esistono molti musei, però questo rappresenta uno dei più strani. I coltelli in esso custoditi  vengono conservati come vere e proprie opere d’arte con manici intarsiati a forma di cervo, cinghiale e aquila, e con  lame di diverse dimensioni e affilatura. In questo museo viene preservato anche il “Coltello più pesante del mondo”: 295 kg per 4,85 metri, realizzato dall’artigiano Paolo Pusceddu.

  • Museo del Rubinetto  (San Maurizio d’Opaglio - Novara).  Oltre alla scoperta e l’evoluzione dei rubinetti, è possibile conoscere i trucchi del mestiere degli idraulici, ripercorrendo la storia dell’igiene personale da pratica di lusso a fenomeno di massa.

  • Museo dell'Ombrello e del Parasole (Verbano Cusio Ossola - Cuneo). Oggetto dalle origini antichissime, alcuni ipotizzano che provenga dalla Cina, per altri, invece, proverrebbe dall’Egitto o dall’India. In questo museo, situato tra le langhe piemontesi, sono custoditi i più antichi cimeli risalenti al XIII secolo. Inoltre, vengono date delucidazioni su una delle professioni più antiche: l’ombrellaio. Requisito fondamentale è andare muniti di ombrello!

  • Museo della Bora (Trieste). Nella città della bora, non poteva che esistere un museo sui venti, conosciuto appunto come il “magazzino dei venti”. In esso si possono scoprire varie curiosità: misurare la velocità del vento, ammirare una rosa dei venti, studiare e approfondire il fenomeno dell'energia eolica, leggere curiosità sulla Bora e persino giocare con il vento.

  • Museo delle Anime del Purgatorio (Roma). “Lasciate ogni speranza, voi ch'entrate”. In questo museo, risalente al 1800, è conservata la bizzarra collezione di padre Jouet, che a seguito di un incendio ritrovò alcune immagini di volti sofferenti impressi alle pareti. Manoscritti, impronte e illustrazioni lasciate dagli spiriti sono conservati e testimoniano la sofferenza delle anime del Purgatorio, desiderose di oltrepassare il varco del limbo o di tornare in vita.

  • Museo dei Bonsai Crespi (Milano) E' l’unica esibizione permanente al mondo che si occupa di Bonsai. Al suo interno non vi sono solo Bonsai, ma anche rigogliose piante secolari, vasi e libri antichi che provengono dall’Estremo Oriente. Da ammirare il millenario Ficus retusa linn, collocato al centro di una pagoda fra due cani cinesi dell’Ottocento in legno scolpito.

  • Museo del Cavatappi (Barolo - Cuneo). Nella terra del vino non poteva mancare un museo dedicato a uno degli strumenti più utilizzati per aprire il “nettare degli dei”. Inaugurato nel 2006 il museo contiene più di 500 cavatappi di tutti i tipi. Alla fine della visita guidata è ovviamente possibile degustare un ottimo bicchiere di Barolo.

  • Museo del Flipper (Bologna). Attualmente ospitato presso lo Spazio Tilt!, racchiude oltre 400 flipper, videogiochi, macchine a moneta che esistevano in bar e luoghi di ritrovo. Il tempo infatti sembra essersi fermato tra le varie sale del museo dove i visitatori possono anche giocare, divertendosi e rimembrando i vecchi tempi.

  • The Shit Museum (Castelbosco - Piacenza). In un vecchio castello ristrutturato, nasce nel 2015 questo anomalo museo, creato da un progetto di un gruppo di imprenditori agricoli, che hanno analizzato l’importanza delle deiezioni in differenti usi. Vi possiamo assicurare che non è un museo di “merda”, a dispetto del nome! La materia viene affrontata con massima serietà come un progetto ecologico, grazie anche alle sue proprietà. Per esempio a livello agricolo gli oggetti di espulsione vengono utilizzati come concime per i campi,  mentre da un punto di vista  industriale, come materia base per mattoni e intonaco, e per la produzione di metano. Inoltre vi è una sezione dedicata all’escrezione nella letteratura, come nella Naturalis Historia di Plinio e nell’uso moderno dello sterco.


15219373_10154815704839744_7786750764684576183_n.jpg

 

 

 

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO