Cosa vedere a Istanbul: il Gran Bazar

Continuano senza sosta i lavori per sistemare i tetti del Grande Bazar di Istanbul, uno dei più antichi mercati del mondo, costruito più di 500 anni fa sotto l'Impero Ottomano.

Lavori di restyling che dureranno all’incirca una decina di anni, per rinnovarlo interamente, dal tetto alle fondamenta. Un lavoro molto costoso in un periodo poco florido per la Turchia dal punto di vista turistico, per via dei numerosi attentati e delle tensioni politiche ne paese che hanno portato ad un crollo vertiginoso dei turisti.

Il Grand Bazar d’Istanbul è una maxi area di oltre 100 mila metri quadrati con oltre 3mila boutique e circa 30mila impiegati che vendono di tutto, dalle spezie ai tappeti. Le volte, le colonne e gli affreschi sono storici. Ma un rinnovamento è necessario ed è ben visto dai venditori. In totale il rinnovamento del mercato, costerà intorno ai 50 milioni di euro.

Completato nel 1461, questo labirintico mercato coperto è una vera e propria città nella città: dotato di vie, piazzette, vicoli e fontane, il Gran Bazar è stato il primo “grande magazzino” della storia. Ci si trova di tutto, orefici, venditori di tappeti, abiti o scarpe e fabbricanti di dinanderies, ovvero oggetti in ottone. Qui potrete trovare di tutto per sfogare la vostra voglia di souvenirs: dai pellami alle lampade, dalle maioliche ai gioielli in oro e argento, dai dolciumi alle spezie.

Sebbene sia un mercato, il Gran Bazar non è tuttavia il luogo più economico dove fare acquisti, ma potrete di certo divertirvi nell’arte della contrattazione, di cui i turchi sono molto esperti.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO