8 Marzo, cosa vedere: il National Women's Party Museum, a Washington

Oggi è l’8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, che si celebra in molti paesi del mondo per ricordare i diritti ottenuti dalle donne nell’ultimo secolo, senza dimenticare quelli ancora da ottenere.

La prima volta in cui venne celebrata quella che oggi viene comunemente chiamata Festa della Donna fu nel il 28 febbraio del 1909 per iniziativa dell’allora esistente Partito Socialista americano: in quell’occasione si svolse una manifestazione a favore del diritto di voto delle donne, che fu poi introdotto a livello nazionale negli Stati Uniti nel 1920.

Per questo un giro nel National Women’s Party Museum è d’obbligo in questa giornata. Si trova a Washington, non molto distante dalla Casa Bianca e contiene tutti i documenti, le foto ed altri materiali del partito delle suffragette, movimento femminile che chiedeva l’estensione del voto alle donne. Il museo racconta la storia avvincente di una comunità di donne che hanno dedicato la loro vita alla lotta per i loro diritti e per quelli di tutte le donne del mondo. Fondato nel 1929, ospita mostre permanenti e temporanee ed esplora l'evoluzione del ruolo delle donne e il loro contributo alla società attraverso programmi educativi, escursioni, mostre, ricerche e pubblicazioni.

All’interno si trova una vasta collezione di articoli originali risalenti al periodo del movimento delle suffragette: banner, manufatti, fotografie, coccarde e molto altro materiale che documenta lo sforzo continuo di donne e uomini di tutte le razze, religioni e status sociali per ottenere i loro diritti di voto e di uguaglianza.

Credits | Facebook

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO