Venezia chiede l'accesso a numero chiuso per i turisti

Vuoi perché è bella, particolare, unica al mondo. Romantica, ricca di storia, arte, cultura. Vuoi perché adesso la classifica Best Travel 2017 di Lonely Planet l’ha classificata tra le principali mete low cost, sta di fatto che anche quest’anno Venezia ha avuto un boom di turisti, soprattutto nel Ponte di Ognissanti appena terminato.

Una vera e propria “invasione”, così l’hanno definita i residenti, che hanno visto la loro città strabordare di turisti da calli e ponti, in bassa stagione oltretutto. Un afflusso importante di persone, italiane e straniere, che ha portato il Comune a pensare ad un accesso controllato, a numero chiuso, per salvare la Laguna.

Lo riporta il quotidiano La Stampa: l’amministrazione comunale, superata l’emergenza del Ponte, sta già pensando ad una strategia “elimina-code e annulla-disagi” per la prossima estate. Sono ben accolte idee e soluzioni di tutti i residenti, fa sapere l’assessorato al Turismo, per migliorare la qualità della vita di tutti, turisti e non.

Al momento le idee arrivate al Comune sono tante: tornelli alla stazione di Santa Lucia, pannelli di controllo a parete oppure app sullo smartphone per accedere a calli e canali, o ancora un tot di biglietti d’ingresso al mese, per controllare gli accessi e limitare gli eccessi: nel 2015 i turisti che hanno visitato Venezia sono stati più di 25 milioni.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO