Dove andare in Toscana: Il Giardino dei Tarocchi

A pochi chilometri da Grosseto,  più precisamente a Garavicchio, nei pressi di Pescia Fiorentina (frazione di Capalbio), si trova uno dei parchi più bizzarri d’Italia: il Giardino dei Tarocchi , parco artistico ideato e realizzato dall'artista franco-statunitense Niki de Saint Phalle.

Perché dei Tarocchi? Perché il giardino è  popolato di statue ispirate alle figure degli arcani maggiori dei tarocchi; il parco è un mix tra Parque Guell di Antoni Gaudì, a Barcellona e il Giardino dei Mostri di Bomarzo, in provincia di Viterbo.

Nel parco si trovano ventidue statue, imponenti figure in acciaio e cemento ricoperte di vetri, specchi e ceramiche colorate, realizzate dall’artista con la collaborazione di altri nomi famosi dell’arte contemporanea.

La realizzazione di questo giardino è cominciata alla fine degli anni Settanta ed é terminata solo nel 2002, al momento della scomparsa dell’artista. Superata una imponente soglia – che separa simbolicamente il mondo reale da questa nuova dimensione – si accede ad una piazza e si passeggia per ammirare le statue, che rappresentano, come già detto, gli arcani Maggiori dei Tarocchi. Tra questi: L’Albero della Vita, con la figura dell’Impiccato, l’Imperatore, L’Imperatrice-Sfinge, La Temperanza e altri ancora.

Il parco è aperto  tutti i giorni, dal 1 Aprile al 15 Ottobre, dalle ore 14,30 alle ore 19,30. Maggiori info sono presenti sul sito del Giardino dei Tarocchi.

Credits | Instagram

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 443 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO