Parco nazionale di Yellowstone, turista cade in un Geyser e muore

Il Parco nazionale di Yellowstone, il più antico parco naturale del mondo, il più grande parco degli USA, patrimonio dell'Umanità UNESCO, da visitare seguendo tutte le regole.

Ancora un incidente mortale al Parco nazionale di Yellowstone nel Wyoming, ancora una volta causato dall'imprudenza e dall'imperizia dei turisti, che non seguono le regole del parco, emesse anche per tutelare la loro incolumità. Questa volta non c'entrano gli orsi (simpatici ma pericolosi), ma un geyser, e precisamente il Norris Geyser Basin, quello con le acque il più calde, che si trova nella zona nord occidentale della Yellowstone Caldera.

Martedì scorso 7 giugno Colin, un ragazzo di 23 anni di Portland nell'Oregon, stava passeggiando in questa zona del Parco nazionale di Yellowstone con sua sorella, quando ha deciso di abbandonare il percorso segnalato con delle passerelle, per avvicinarsi a vedere i geyser più da vicino. Sono bastati 200 metri, perché la crosta di una di queste caldere cedesse sotto il suo peso e l'uomo vi scivolasse dentro. Temperature altissime e acidità delle acque sono le cause delle tremenda morte di Colin.

I tentativi dei ranger del parco per recuperare il corpo del giovane sono durati appena un giorno, data la grande pericolosità dell'area, e l'acidità delle acque, che hanno fatto prendere la decisione: di fatto, con molta probabilità non c'era più niente da recuperare. Alcuni giorni prima, un tredicenne era rimasto ustionato per essersi avvicinato troppo alle acque bollenti di un'altra sorgente termale: in casi come questi, gli inviti alla prudenza non sono mai troppi.

Via LA Times.
Foto Daniel Mayer,Supercarwaar, Frank Schulenburg, Greg Willis, Acroterion, Mav.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 59 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO