Mont-Saint-Michel, l'arcangelo Michele torna a splendere sull'Abbazia

L'arcangelo Michele torna a splendere sul Mont-Saint-Michel dopo il restauro, con una spettacolare operazione di posa in elicottero.

L'arcangelo Michele risplende di nuovo sulla sommità dell'abbazia del Mont-Saint-Michel, pronto a trafiggere con la sua spada il drago che striscia ai suoi piedi: la famosa statua di 520 chili si eleva di nuovo a 160 metri sopra del livello del mare. Ci è volata non certo con le sue ali, ma in elicottero. Per consentire il restauro e l'operazione di distacco prima e di riposizionamento poi, il pinnacolo dell'abbazia è stato ricoperto da un'impalcatura alta 30 metri.

La statua di bronzo dorato, il cui nome ufficiale è "Saint Michel terrassant le dragon", è dello scultore francese Emmanuel Frémiet ed era stata installata in cima all'abbazia nel 1897: fu costruita nella stessa fonderia da cui uscì "La Liberté éclairant le monde", più comunemente nota come Statua della Libertà che si erge a largo di New York.

L'arcangelo, esposto alle intemperie dell'Oceano Atlantico nella Manica, inclusi i venti che trasportano la salsedine, era stato restaurato per altre due volte, nel 1935 e nel 1987.

Foto Thomas Doussau,Ikmo-ned,Gjacquenot,Nono vlf, Diliff, Fabos, JakobVoss, Koalanouk.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 262 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO