Dove allattare a Roma, i locali mom-friendly

Ristoranti e locali dove allattare o cambiare un pannolino in totale privacy

Mothers breastfeed their babies during a mass breastfeeding in celebration of World Breastfeeding Week, in Athens on November 2, 2014. Mothers breast fed their babies in the 5th Panhellenic public breastfeeding taking place simultaneously in 50 cities of Greece. AFP PHOTO / Angelos Tzortzinis (Photo credit should read ANGELOS TZORTZINIS/AFP/Getty Images)

Allattare in giro, cambiare un pannolino, avere un po’di privacy tra mamma e figlio al di fuori delle mura domestiche. Sono questi i motivi per cui stanno aumentando i locali mom-friendly, in cui le esigenze di una mamma vengono pienamente assecondate.

Abbiamo visto la situazione a Milano, vediamo ora Roma come gestisce la sempre più crescente domanda di mamme alla ricerca di locali pubblici dove allattare in sicurezza e comfort. A differenza di Milano, Roma non ha un progetto unico che coinvolge l’intera città, ma una serie di micro-iniziative organizzate dai vari municipi rivolte ai commercianti della zona che hanno aderito fornendo uno spazio mom-friendly.

Esistono i “Baby Pit Stop”, aree promosse dall’Unicef che si trovano all’interno di locali pubblici come farmacie, ospedali, spazi comunali, aeroporti, negozi e centri commerciali dove le mamme possono allattare e cambiare il pannolino mentre sono in giro per la città.

Se non volete rinunciare all’aperitivo o alla cena fuori con gli amici, i ristoranti attrezzati per la poppata o per il cambio del bebè sono in diversi quartieri: c’è il Vivibistrot, a Villa Pamphili, con un comodo fasciatoio in bagno e omogeneizzati bio serviti al bancone. Il Tie Break, ristorante del Circolo Belle Arti organizza il brunch per le Yummymummy, ovvero le mamme indaffarate, con biberon e fasciatoi.
Il Pigneto,quartiere sempre più trendy e giovanile, ha tantissimi locali attrezzati per ogni evenienza : fasciatoi in bagno e comode poltrone dove allattare, come alla Cucina Lanificio.

BERLIN, GERMANY - JUNE 06: A three-year-old girl kisses her mother goodbye for the day at the child's kindergarten on June 6, 2012 in Berlin, Germany. The Betreuungsgeld (child care subsidy), proposed to take effect in January 2013, would give parents that keep their children at home instead of sending them to a kindergarten ?150 per child per month, causing concern amongst critics who feel that the state support would foster traditional family values as well as provide an incentive for low-income families to keep their children at home. The government has meanwhile planned to guarantee the right to placement in a Kindergarten from August 2013. (Photo by Adam Berry/Getty Images)

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 18 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO