Ponti 2016, si starà a casa un mese

Con abilità e maestria vi basterà prendere solo 7 giorni di ferie per un totale di 30 giorni di relax. Occhio ai giorni giusti

WELLINGTON, NEW ZEALAND - JUNE 02: The rugby calendar for the next three years showing how the enlarged Premier Division for the NPC rugby competition will fit in at the announcement in Wellington, New Zealand, Thursday, June 02, 2005. (Photo by Ross Setford/Getty Images)

Non negate, l'avete già fatto. Vi siete messi, calendario alla mano, a spulciare i mesi di questo 2016 in arrivo per vedere di quanti giorni di festa potrete godere quest'anno con i tanto agognati ponti.

Ebbene, gioite: il 2016, con 7 giorni di festa sul calendario, vi farà stare a casa per un totale di un mese. Al via quindi prenotazioni di vacanze e vacanzette, approfittando dei "rossi" dell'anno nuovo.
Il 2016 che si appresta ad arrivare porterà infatti settimane con meno di 3 giorni lavorativi: a cominciare proprio da gennaio dove chiedendo due giorni di ferie - il 7 e l'8 - dall'1 al 10 si lavorerà soltanto per due giorni (il 4 e il 5), godendo di un ponte lungo, anzi, lunghissimo, visto che si potrà "attaccare" alle festività natalizie grazie al capodanno e l'epifania.

Niente a che vedere quindi con il triste 2015 che di ponti ne ha regalati ben pochi: il 25 aprile, ad esempio, sarà di lunedì, un altro ponte lungo da sfruttare per qualche viaggio. Pasqua cade il 27 marzo, mentre il 2 giugno è un giovedì: vi basterà prendervi un venerdì di riposo per stare a casa 4 giorni.

Il ponte dei Santi (1 novembre) sarà il pezzo forte del calendario: prendetevi il 31 ottobre come giorno libero e tornerete a lavoro direttamente il 2 novembre, godendo di ben 4 giorni di relax. Stesso discorso per l'8 dicembre, un giovedì ( i milanesi potranno metterci in mezzo S.Ambrogio e la settimana lunga è fatta).
Perciò, ricapitolando, nell'anno che sta arrivando vi basterà chiedere solo 7 giorni di ferie, ma che siano quelli giusti, per restarne a casa per 30 giorni totali. Fate bene i conti e buone vacanze.

Jorge Tiscornia, a former Tupamaros National Liberation Movement (MLN-T) guerrilla, shows homemade calendars he made while in Libertad prison, on December 5, 2014 at his house in Montevideo. Tiscornia, who spent 13 years in prison -since 1972 until 1985-, was the only inmate who managed to take pictures and who kept records of the prison daily life during the dictatorship, in homemade calendars which he hid in his sandals. AFP PHOTO/PABLO PORCIUNCULA (Photo credit should read PABLO PORCIUNCULA/AFP/Getty Images)

 

  • shares
  • Mail