Travel on the road: alla scoperta delle Marche con una Renault Espace

Le colline che ispirarono L’Infinito di Leopardi, il mare e i panorami del Parco Regionale del Conero, le città d’arte di Senigallia e Recanati e affascinanti paesi di campagna con atmosfere dei tempi andati. Partite con noi alla scoperta della regione Marche a bordo della nuova Renault Espace in questo itinerario in bilico tra cultura, relax, architettura e poesia.

“Vaghe stelle dell’Orsa, io non credea tornare ancora per uso a contemplarvi sul paterno giardino scintillanti, e ragionar con voi dalle finestre di questo albergo ove abitai fanciullo, e delle gioie mie vidi la fine”. (Le Ricordanze, Settembre 1829)

Il racconto del nostro viaggio nelle Marche non poteva che avere i versi di Giacomo Leopardi come incipit. Parole sublimi, immortali, di struggente profondità e nel caso sopracitato, utilizzate dal poeta di Recanati per descrivere il confronto tra presente e passato e le malinconiche illusioni della giovinezza. Un tema approfondito nel dettaglio anche in queste eterne strofe “Godi fanciullo mio, stato soave, stagion lieta è cotesta…” tratte da Il Sabato del Villaggio.

Il repertorio di Leopardi è un susseguirsi di nostalgici “greatest hits” da pelle d’oca, e per capire e captare quali atmosfere, paesaggi, storie e dinamiche famigliari hanno ispirato questi versi, non c’è nulla di meglio di una visita a Palazzo Leopardi. Il “paterno giardino” e le “finestre di questo albergo” sono infatti chiari riferimenti ai luoghi dell’infanzia. Dove Leopardi, affetto da problemi alla vista, trascorre gran parte delle sue giornate nel piano nobile del palazzo; studiando in solitudine dai libri della meravigliosa biblioteca o assieme ai fratelli nello studio di Monaldo; padre severo, esigente e rigoroso che sottoponeva i suoi pargoli a continue verifiche e interrogazioni. Tra ritratti di famiglia, alberi genealogici e numerosi documenti d’inestimabile interesse storico, Palazzo Leopardi è una preziosa incursione nella vita di una delle figure più importanti della letteratura mondiale, e per concludere la visita su panorami senza tempo e di rara bellezza dirigetevi al Colle dell’Infinito; fonte d’ispirazione dell’omonima poesia ed una delle liriche fondamentali dei “Canti” leopardiani.

Terminata la visita di Recanati, in venti minuti di Espace raggiungiamo il Parco Regionale del Conero. La strada provinciale che collega i paesi di Numana e Portonovo è contesa tra alture, rocce, il Monte Conero, alberi e mare. La prima tappa del percorso, tortuoso e scenografico, ci porta a Sirolo; un grazioso borgo affacciato sull’Adriatico da cui si raggiunge (a piedi o con la shuttle del comune ndr) la celebre spiaggia dei “Sassi Neri”. Un’altra baia da non perdere è Portonovo; con golfi di ciottoli bianchi in serie, dimore storiche come il Fortino Napoleonico, monumentali pareti e ristoranti di cucina casalinga di pesce a pochi metri dalla riva.

Proseguendo verso nord noterete come in alcuni scorci il Parco del Conero ricordi un pò Cap Ferrat ed una volta raggiunta l’estremità settentrionale, vi troverete al cospetto di Ancona e il suo porto. Attraversate il capoluogo marchigiano e proseguite sulla strada “Adriatica” fino a Senigallia. Cittadina di 60,000 abitanti ed importante polo culturale e turistico famosa per il Foro Annonario – uno dei primi esempi di architettura civile in’Italia - la Rocca Roveresca (il monumento più importante della città ndr), il Ristorante Uliassi (2 stelle Michelin), la Rotonda sul mare, i portici lungo il Fiume Misa, l’interminabile Spiaggia di Velluto e per la meravigliosa Tavola del Perugino all’interno della Chiesa di Santa Maria delle Grazie.

Civile, ordinata e ben amministrata, Senigallia ha dalla sua anche un incantevole entroterra con soavi colline – molte delle quali coperte di grano, vitigni, ulivi, girasoli e libere dagli OGM - che diradano dolcemente verso il mare. Tra i tanti paesi attorno alla campagna senigalliese, Ostra è uno dei più interessanti per paesaggi, planimetria medioevale, siti d’interesse storico (come Piazza dei Martiri, la Torre Civica, i Palazzi Gentilizzi, il Santuario della Madonna delle Rose ndr) ed offerta gastronomica.

Le nostre 48 ore nelle Marche si concludono invece a Morro d’Alba - altro delizioso borgo medioevale adagiato sulla cima di un colle - per scoprire i sotterranei e la spettacolare cinta muraria con tanto di camminamento interno conosciuto come “La Scarpa”.

Percorsi Alternativi

Travel in 24 ore

Il Percorso:
Dove Mangiare: Uliassi a Senigallia e La Cantinella di Ostra
Dove Dormire: Country House Antica Armonia di Senigallia
Soste lungo il percorso: Senigallia, Ostra, Morro D’Alba

Travel in 48 ore

Km Percorsi: 800 (con partenza da Roma)
Litri di carburante consumati: 50
Costo carburante: Circa 75 euro
Costo caselli: 18 euro (circa)

Dove mangiare: La Cantinella di Ostra, Uliassi a Senigallia, Giacchetti a Portonovo
Dove Dormire: Hotel Fortino Napoleonico a Portonovo (http://www.hotelfortino.it/) Country House Antica Armonia a Senigallia (http://www.anticaarmonia.it/)
Soste lungo il percorso: Senigallia, Morro d’Alba, Ostra, Recanati, Riviera del Conero, Portonovo, Sirolo
Auto utilizzata: Renault Espace con motore 1.6 dci da 131 Cv

Travel in 72 ore


Dove Mangiare:

La Cantinella di Ostra, Uliassi a Senigallia, La Vittoria di Ostra, Giacchetti a Portonovo, Trattoria Il Mago di Morro d’Alba

Dove Dormire: Hotel Fortino Napoleonico a Portonovo (2 notti) e Country House Antica Armonia a Senigallia, Monastero dell’Avellana

Soste lungo il percorso: Senigallia, Ostra, Morro d’Alba, Serra dè Conti, Portonovo, Sirolo, Numana, Recanati, Avellana, Grotte di Frasassi.
Auto utilizzata: Renault Espace con motore 1.6 dci da 131 Cv

Link Utili


http://www.giacomoleopardi.it/palazzo-leopardi/

http://www.parcodelconero.org/

http://www.comune.senigallia.an.it/site/senigallia/live/taxonomy/

http://www.comune.ostra.an.it/

Testo : Matteo Morichini
Riprese Video : Mauro Crinella
Foto : Gianluca Oliva
Montaggio video : Max Cannizzaro

In collaborazione con Renault

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 49 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO