Itinerario turistico in Basilicata e Puglia

Dagli affascinanti borghi alle pendici delle Dolomiti Lucane alla splendida costa di Gallipoli

gettyimages-120582281.jpg

C'è chi l'ha fatta "coast to coast" come sulla Route 66 di Kerouac. Da lì, poi, si può scendere e in poche ore ci si ritrova a ballare pizziche e tarntelle nelle numerose sagre e feste paesane. Stiamo parlando di Basilicata e Puglia, due affascinanti regioni da segnare nel calendario della vostra estate 2015. Noi vi proponiamo un piccolo itinerario che siamo sicuri non vi deluderà.

La Basilicata, o Lucania, è conosciuta ai più per Matera, la città dei Sassi, decretata capitale europea della cultura 2019. Eppure la bellezza di questa regione è vasta e si esprime sulle bellissime coste che affacciano sullo Jonio e sul Tirreno e sulle catene montuose delle Dolomiti lucane, meta degli appassionati di motocross e trekking.

Queste piccole Dolomiti - così denominate per la somiglianza morfologica con le più famose montagne trivenete -  situate nell'Appennino lucano, costituiscono il cuore dell'omonimo Parco naturale regionale che si estende alle foreste di Gallipoli-Cognato. Non sono molto alte - l'altitudine media è di 1.100 m s.l.m. - e per questo sono un ottimo itinerario per gli amanti delle passeggiate nei boschi, del bird watching e per ammirare una flora che non si trova altrove: valeriana rossa, la lunaria annua e l'onosma lucana.

gettyimages-152425463.jpg

Alle pendici di queste catene montuose si trovano  dei borghi caratteristici, appartenenti al circuito dei più belli d'Italia: Castelmezzano, considerata dalla rivista Budget Travel come tra le migliori località del pianeta tra quelle di cui non si è mai sentito parlare; Pietrapertosa, con le sue casette praticamente attaccate alla parete rocciosa; Albano di Lucania e Campomaggiore, paesino con meno di mille abitanti il cui vecchio centro abitato (oggi abbandonato) era considerato un luogo vivibile, pacifico e all'avanguardia per i suoi tempi, tanto da essere chiamato "Città dell'Utopia".

Scendendo più giù si arriva "allu Salentu", il tacco d'Italia, la parte meridionale della Puglia che comprende  l'intera provincia di Lecce, quasi tutta quella di Brindisi e parte di quella di Taranto. Una penisola a sè, che è idealmente separata dal resto della Puglia da una linea che parte dal punto più interno del Golfo di Taranto (nel territorio di Massafra) arriva lungo la linea che da Taranto, attraverso Grottaglie, San Michele Salentino e Ceglie Messapica, giunge fino a Ostuni.

Le città del Salento sono tutte bellissime, ricche di storia, di arte, cultura e tradizioni. Noi vi suggeriamo un mini itinerario che parte da Lecce, "capitale" del Salento, conosciuta come la "Firenze del Sud", una città in cui le antichissime origini messapiche si mescolano alla ricchezza e all’esuberanza del barocco leccese, tipicamente seicentesco.

Frequentata per le sue spiagge è invece Santa Maria di Leuca, meta turistica, perla dell'estremo lembo d’Italia, affascinante per la sua costa ricca di scogliere e calette di sabbia. Una città da ammirare dall'alto del Santuario di Santa Maria di Leuca, dopo aver salito ben 184 gradini.

Infine Gallipoli, la perla dello Jonio, frequentata per le sue spiagge di sabbia fina e il mare cristallino. La "città bella" (dal greco) si divide nel borgo antico e nella parte più moderna, per accontentare i gusti di chi ama l'arte - come il  Castello Angioino - senza rinunciare al divertimento.

b515dda111d6f3f50944d6252438b56c.jpg

Credits | Getty & Pinterst

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 16 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO