Iran, una guida per scoprirne le bellezze senza stereotipi

L'Iran è un Paese meraviglioso ma poco conosciuto, nascosto anch'esso da un velo che ne oscura le bellezze, esaltando solo ciò che è negativo e quindi enfatizzato dai media: la cultura del proibizionismo, gli stereotipi, il nucleare, il fanatismo religioso.

Per togliere il velo c'è bisogno allora di una guida che sappia illuminare l'Iran ed esaltarne la storia, la cultura, le bellezze architettoniche e naturalistiche e anche gli usi e le tradizioni del suo popolo.
A dare un sostegno, ad aiutare a scoprire la Persia senza pregiudizi e stereotipi arriva "In Iran. Alla scoperta delle 31 regioni persiane" guida realizzata dall'Istituto culturale iraniano.
Edito da Ponte Sisto, la guida racconta in circa 300 pagine tutte le regioni del vasto territorio iraniano, evidenziandone gli aspetti per cui è fondamentale una visita: i castelli, le moschee, le piazze, le oasi naturali, i musei, le piazze e i monumenti. Tehran, ma non solo, ogni città, ogni regione di questo Paese merita di essere visitato, ammirato, conosciuto.
Un volume ricco di foto, diviso in 31 capitoli quante sono le regioni, alla scoperta della natura, la gastronomia, l'ambiente, la storia e le tradizioni.

Conoscere per scoprire ad esempio che tra Iran e Italia ci sono numerose affinità, come la cultura millenaria e l'amore per l'arte e la letteratura.  C'è Esfahan, che prende il nome dall'omonima città patrimonio Unesco con la sua enorme piazza Imam; Yazd, con il tempio di Zoroastro e i palazzi con le 'torri del vento', o ancora le province di Fars, che non è solo la splendida Persepoli degli Achemenidi, ma anche Ecbatana e la grotta di Ali Sadr , quest'ultima tra le meraviglie del mondo naturale. La regione di Hormozgan, con il mare del Golfo e la bellissima isola di Kish, con l'acquedotto sotterraneo e le sue volte tempestate di fossili, conchiglie e coralli di milioni di anni fa.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 13 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO