Visitare Danzica dopo Euro 2012

Visitare Danzica in Polonia

In visita a Danzica per Euro 2012 su invito di Hyundai, abbiamo avuto la gradita sorpresa di trovarci di fronte ad una città affascinante e briosa. Nell'immaginario collettivo Danzica è sinonimo di cantieri navali, Solidarność e Lech Wałęsa. Nella realtà è molto di più, un capoluogo di oltre 450.000 abitanti che conserva le tracce del passato sovietico ma, ancor più importanti, quelle della storia di ricca città marinara e commerciale.

I visitatori possono scegliere di arrivare in aereo al nuovo Lech Wałęsa Airport (DGN) con voli diretti dall'Italia operati dalla low cost Wizz Air. In alternativa le principali compagnie di bandiera propongono voli con scali. Oltre ai taxi, i collegamenti con la città tramite bus sono frequenti ed alcuni hotel offrono un servizio navetta dal prezzo ragionevole. In Polonia la moneta è lo Zloty, al cambio 1 Euro - 4,2 Zloty (Giugno 2012), con un rapporto decisamente favorevole per l'Euro.

Il clima di Danzica è ovviamente marittimo, umido, variabile e temperato; si segnalano frequenti temporali. La temperatura varia tra un minimo -15 in inverno di e arriva ad un massimo di 30-35 gradi in estate. Mediamente rimane tra i -3 in inverno ed il 21 in Luglio.

Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia

Per capire Danzica, si deve dare un occhiata ad una mappa della città. Si notano allora i fiume Motława ed i canali che attraversano il centro medievale. Proprio i canali e la vocazione marinara hanno fatto di Danzica un importante centro commerciale. Nel XIV sec. la città entra nella Lega Anseatica, di cui divenne per un certo periodo capitale. Danzica conosce secoli di splendore, durante i quali arte, scienza ed archiettura lasciano il segno. Scopriamo allora che è questo il luogo dove nacquero o vissero Copernico, Hevelius, Fahrenheit, Schopenhauer e Günter Grass.

Come spesso accade, la ricchezza si accompagna a guerre che la vedono protagonista anche per la presenza di un marcato ceppo linguistico e culturale tedesco. Distrutto come il resto della città durante la seconda guerra mondiale, il centro di Danzica è stato completamente ricostruito. Rimane solo una piccola area, a memoria dei posteri, che porta ancora i segni dei bombardamenti del '45.

Oggi Danzica si presenta in splendida forma, proprio partendo dalle rive Motława. Le case in tipico stile nordico si susseguono ordinate su una promenade, dove è piacevole fermarsi in uno dei tanti locali tipici della zona. Numerosi i simpatici battelli in tema "piratesco" sui quali è possibile effettuare un tour della zona.

Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia

Sulla riva è possibile visitare l'imponente Gru portuale (Żuraw), che nei secoli passati era un punto fondamentale per le merci di passaggio; non a caso proprio a fianco della Gru è presente il Museo Marittimo. Di fronte, in uno stile più moderno, la sede dell'Orchestra Filarmonica Baltica.

Addentrandosi nella città vecchia, sulle piccole vie si affacciano case dello stile manieristico olandese che danno l'idea della potenza che poteva avere Danzica nei secoli scorsi. E' allora d'obbligo una piccola tappa alla casa di Copernico, così come alla Basilica della Vergine Maria. Un luogo di culto che ha segnato più volte il passaggio dal cattolicesimo al protestantesimo e vice versa. Dopo essere stata distrutta dai bombardamenti, è stata ricostruita ed è con stupore che entrando si viene abbagliati dall'insolito intonaco bianco, dipinto sia sui muri sia sulle colonne.

La visita a Danzica non può passare attraverso la Porta d'Oro, che le guide traducono con un "Golden Gate" che ricorda ahimè un famoso ponte. Costruita nel 1614 lungo le mura cittadine, trovano posto otto statue che ricordano le otto virtù della città. In maniera più pragmatica che artistica o filosofica, all'interno della Porta d'Oro sono poste due gigantografie di Danzica subito dopo la guerra: una devastazione che lascia senza parole chiunque.

Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia

Il Mercato Lungo è invece la piazza principale, ai bordi della quale trovano posto i palazzi più prestigiosi della vecchia Danzica. Oggi è diventato il salotto della città, dove è possibile fermarsi in uno dei locali ammirando la statua del Nettuno, opera del 1617 dell'architetto olandese Abraham van den Blocke.

Cosa mangiare o bere a Danzica? Per chi non ama avventurarsi nella cucina locale, diciamo subito che sono presenti molte delle più note catene commerciali di fast food e non. Per chi vuole provare la cucina polacca possiamo invece raccomandare il Brovarnia Gdansk (ul. Szafarnia 9 Gdansk). Famoso per la propria birra, al Brovarnia si possono assaggiare piatti tipici come la zuppa di asparagi oppure l'anatra con con purè di patate e verdure.

In conclusione possiamo dire che Danzica ci ha stupito per la bellezza del suo centro storico così come per la gentilezza dei suoi abitanti. Il cambio favorevole Zloty-Euro rende piuttosto economica una visita anche breve, soprattutto considerando i collegamenti diretti con l'Italia con voli low cost. Consigliamo quindi Danzica per una gita primaverile o autunnale a tutti quelli che preferiscono stare alla larga dalle "solite" capitali turistiche.

Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia
Visitare Danzica in Polonia

  • shares
  • Mail