L'Harnas Wildlife Foundation in Nambia

Tutto ebbe inizio quando Marieta, lungo una polverosa strada della Namibia si imbatté in un uomo che conduceva con se una scimmia, abbastanza malmessa, conducendola con una corda legata al collo; per 5 rand ed un pezzo di pane, convinse l'uomo a cedergli l'animale, che Marieta e Nick van der Merwe curarono nella loro fattoria.

Era il 1978, e da allora i due coniugi iniziarono a raccogliere e curare animali selvatici, spesso abbandonati perché diventati adulti e pericolosi per i padroni, che li avevano presi quando erano ancora cuccioli. Da allora la fattoria si è sempre più ingrandita, diventando uno dei più importanti centri di ricovero e riabilitazione per animali di tutta l'Africa; l'Harnas Wildlife Foundation.

Da fattoria a fondazione, perché l'attività di cura e ricovero degli animali è diventata sempre più impegnativa e costosa, che i van der Merwe sono dovuti ricorre a volontari e donazioni per poter continuare in quella che oramai considerano la loro missione. Volendo si può adottare a distanza, uno dei tanti animali, che vivono ad Harnas.

Harnas si trova non troppo distante dal confine con il Botswana,a 100 chilometri ad est di Gobabis, ed a 300 chilometri dalla capitale Windhoek. Volendo si può anche soggiornare all'interno del parco, con prezzi che vanno dai 20 euro per un posto tenda, ai 160 euro per il cottage di lusso, in pensione completa e due tour a scelta (al cambio attuale con il dollaro namibiano).

p.s.Inutile dirlo, ma lì i turisti tedeschi sono di casa...
Video HarnasWildlife

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO