Accessibilità e guide turistiche per palmare/cellulare

Pip Mobile mi ricorda che devo postare di un progetto genovese di guida per palmari accessibile, frutto di una piccola ricerca scatenata dal suo post su Mobileblog a proposito di Personal Guide, una guida turistica che il Comune di Milano ha reso disponibile per il download gratuito al sito Leonardo Milano, come accompagnamento alle mostre leonardesche in corso a Milano.

Da Genova arrivano invece le guide multimediali per palmare di ELIOS, un Gruppo di Ricerca del Dipartimento di Ingegneria Biofisica ed Elettronica dell’Università degli Studi di Genova, che ha realizzato di recente la guida multimediale per il Museo del Palazzo del Principe di Genova, per i computer palmari che il Museo fornisce a tutti i visitatori (sarà presentata alla stampa il prossimo 4 Giugno). Un altro progetto è per il Museo a cielo aperto di via Garibaldi, con noleggio del palmare precaricato al bookshop del Comune.

Parlando con l'Ing. Berta, mi ha colpito moltissimo l'altro progetto che hanno realizzato per EuroFlora 2006, anch'essa una guida per dispositivi portatili che ha la peculiarità di essere adatta anche al visitatore ipovedente. Lo spazio fieristico è stato mappato con un centinaio di sensori RFID, per rendere la topografia delle sale leggibile al palmare, che può così eseguire azioni precise a seconda del luogo e fornire diversi tipi di informazioni culturali o di servizio.

Agli autori non risultano altre implementazioni simili di tipo commerciale. Dal pezzo apparso su Repubblica il 24 aprile:

"Affacciati, è il punto panoramico migliore", è un ulteriore invito. Le cascate offrono un terreno su cui esercitare fantasie, sogni. «Il sistema impostato sulla localizzazione degli oggetti è destinato anche a evolversi, sottolinea Alessandro De Gloria del Dipartimento di Ingegneria Biofisica.

Colori esotici, accenti fruttati, bouquet. Boschetti e glicini. Aromi, ecameliedatoccare, fontane.
L’incanto delle forme dei giardini, realie sognati: cerca di tradurre tutto questo, questa specie di radiolina, orgoglio dei laboratori di ingegneria in Albaro, «Siamo stati i primi a ideare una cosa del genere anni fa. Serve anche a scopo turistico, per chi vede benissimo».

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: