Ma quanto sono vecchi i treni di Trenitalia?

Ma quanto sono vecchi i treni di Trenitalia? Una domanda spontanea, lecita per i passeggeri della compagnia di trasporto ferroviaria, soprattutto per quelli che hanno viaggiato in questi giorni di freddo intenso e forti nevicate. E se non ci è mai venuta in mente prima, perché non siamo pendolari giornalmente costretti a toccare con mano lo stato del servizio offerto, davanti a queste immagini, tratte dal sito YouReporter, nient'altro che una domanda ovvia.

Non solo le carrozze, ma anche i binari e gli scambi devono essere ammodernati, visto che al loro cattivo funzionamento è fatta risalire la causa di tante delle difficoltà riscontrate nella circolazione dei treni di questi giorni. Niente che non fosse già noto da tempo, che nell'ipotesi giornalistica del Sole 24 Ore, potrebbe anche derivare da un rischio calcolato; due o tre giorni di disagio per i passeggeri (probabili), a fronte di nuovi costi di ammodernamento e manutenzione (sicuri).

Gestire o investire?; Se così fosse, se cioè ci trovassimo di fronte alla deliberata scelta di non investire per ammodernare rete e carrozze, perché risulta economicamente più conveniente gestire l'emergenza, la contromossa può essere una sola; far diventare la gestione delle calamità così costosa, da rendere più conveniente prevenire, e quindi investire. E' a questo che sta pensando la Regione Liguria?

p.s. per la cronaca, video girato da AguardiA, il 1° febbraio sul treno (6022) in partenza da Parma per Torino delle 5,53 "con carrozze senza riscaldamento e infiltrazioni di neve dai finestrini..."

  • shares
  • Mail