Cosa vedere in India: Shani Singapur, il villaggio senza porte

Tutti gli edifici, persino le banche, non hanno porte. A difenderli ci pensa la loro divinità

Alla domanda del perchè non abbiano porte nelle loro abitazioni, gli abitanti di Shani Singupur, in India, rispondono che non ne hanno bisogno perchè hanno un grande guardiano a badare a loro: Dio.

Shani Shingnapur o Shani Shinganapur è un villaggio situato nello stato indiano del Maharashtra. Un villaggio molto semplice, ma che attira molti visitatori proprio per questa sua singolarità: nessuna casa del paese, così come nessun altro tipo di edificio, è dotato di porte. La straordinarietà sta nel fatto che nessun furto è mai stato segnalato dagli abitanti del villaggio. Loro credono che sia tutto merito della loro divinità, "Swayambhu" che punisce pesantemente i ladri.

E di ladri, qui, non se ne vedono, nonostante tutti gli edifici, persino le banche, siano aperti al pubblico. Di notte gli abitanti riparano le proprie abitazioni con assi di legno o tende, ma semplicemente per proteggersi dagli animali. Per il resto, durante tutto l'arco della giornata, porte aperte a tutti, in un clima di fiducia totale.

L'unico problema è che non essendoci porte, non si può bussare, così non spaventatevi se vedrete qualcuno piombare nella vostra abitazione, anche se generalmente si tende ad urlare o chiamare ad alta voce i padroni di casa, per evitare di disturbare.

La leggenda narra che secoli fa la divinità protettrice del villaggio comparve in sogno del capo villaggio, rivelandogli che li avrebbe protetti da ogni pericolo e che non avrebbero avuto più bisogno di chiudersi in casa. Da allora, nessun oggetto viene tenuto in cassaforte o custodito, perchè gli abitanti sanno che chi ruba sarà condannato a vivere sette anni e mezzo di sfortuna.

Indian devotees eat free food during "Wo

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail