Ad Amburgo arriva la vernice anti pipì in strada

Nello storico quartiere di St.Pauli hanno trovato un rimedio per il problema dei "wildpinkler"

Chi vive in una grande città, specie se turistica, sa esattamente di cosa stiamo parlando. Da Roma a Madrid, da Berlino a Lisbona, ogni città si trova davanti a questo problema, quello cioè di avere quartieri in cui ogni metro si trova un locale dove mangiare, bere e divertirsi, quartieri che si riempiono di gente e dove il numero dei bagni chimici è inversamente proporzionale al numero di persone. Così, quando arriva l'impellente bisogno, ci si ritrova in strada a fare pipì davanti un muro o a un portone o accucciarsi dietro una macchina per non rischiare di farsela sotto mentre si attende il proprio turno al WC del locale.

Una situazione che a lungo andare diventa insopportabile, specie per i residenti, costretti a convivere con odori sgradevoli di urina e gente che fa pipì ovunque. Un problema che però pare possa essere risolto, almeno come ci dimostrano ad Amburgo.

GERMANY-WEATHER-FEATURE

La città della Germania, infatti, è famosa per il suo storico quartiere St. Pauli, noto per i suoi locali che attirano ogni anno più di 20 milioni di turisti che si aggirano da una birreria all'altra per trascorrere la serata bevendo litri di birra. Per porre fine al fenomeno dei  wildpinkler (in italiano, "pisciatori pazzi"), hanno pensato di verniciare le mura dell'intera zona con una vernice "magica". Come spiega bene un articolo del Der Spiegel, si tratta di una vernice idrorepellente, solitamente usata per ricoprire gli scafi delle navi ma che, se applicata su muri e portoni, non perde il suo effetto. Cioè quello di "respingere" la pipì, in modo che l'urinatore se la ritrovi tutta su scarpe e pantaloni.

L'idea è venuta in mente ai residenti che si sono riuniti in un comitato e non ha lo scopo di cacciare via i visitatori, ma semplicemente dar loro delle linee guida e fargli capire come ci si comporta quando si sta fuori casa, nel pieno rispetto del prossimo.

st pauli

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail