Vacanze al caldo in inverno, una crociera ai Caraibi

Voglia di staccare la spina? Una buona idea potrebbe essere quella di prenotare una crociera ai Caraibi

Quasi una parolina magica: Caraibi. Una vacanza da sogno che può diventare ancora più rilassante se si associa ad una crociera tra lusso e comfort a bordo e possibilità di riposarsi o organizzare delle escursioni, se lo si desidera. Le alternative sono tante quando si ha la fortuna di visitare un tratto paradisiaco di mondo che si estende tra l’area della Florida a quella del Venezuela. Se tutto l'anno le tratte di tale tipo vengono percorse, è in inverno che si può fuggire dal freddo dei nostri Paesi, verso terre mitiche e dalle temperature estive.

L’imbarazzo della scelta è garantito perché i nomi che ne compongo le isole sono tra i più incredibili. Cuba, Barbados, Giamaica: chiunque nella vita ha sognato di visitarle, ma al pernottamento classico in albergo si può associare un tour via mare che rende, se è possibile, ancora più affascinante l’esperienza.

Come e quando organizzare una vacanza ai Caraibi in crociera?

crociere caraibi

Valutate intanto il costo che, come è facile intuire, dipenderà dal periodo in cui volete partire. Bassa o alta stagione, ovviamente, hanno un peso differente riguardo al prezzo totale della vacanza. Dopo aver controllato il vostro passaporto e scelto le date, però, non scordare di stipulare una assicurazione medica, visto che da queste parti il costo per l’assistenza sarebbe proibitivo.

Per quanto riguarda il clima, invece, bisogna tenere conto delle due stagioni. La prima, quella secca, va da novembre a maggio con piogge frequenti e leggere, mentre la seconda è quella umida e va da giugno ad ottobre. Questo potrebbe essere il periodo di qualche uragano. I costi maggiori si registrano, comunque, tra dicembre ed aprile e tra febbraio e marzo, ancora di più per via del Carnevale.

Prenotazioni e partenze

Per prenotare la vostra vacanza, potrete farlo comodamente in agenzia o su internet, tramite i siti delle più grandi compagnie che raggiungono questi luoghi. Di solito, si parte da un porto della Florida (non solo Miami) o dalle isole maggiori (come la Repubblica Dominicana). Non è impossibile che la nave salpi però pure da aree secondarie. Chi è esperto di itinerari su “palazzi galleggianti”, sa che deve giungere in aereo nel luogo dell’imbarco, anche se è quasi sempre lo stesso gruppo scelto a provvedere ai biglietti.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 13 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO