Pontinvrea, il paese dove non si pagano le tasse

Pontinvrea in provincia di Savona, il comune italiano dove non si pagano le tasse comunali.

Fino a qualche tempo fa Pontinvrea era noto per essere un'apprezzata meta villeggiatura estiva, grazie al suo clima fresco che in estate raramente fa registrare temperature oltre i 25 gradi. Boschi e temperature miti che favoriscono anche la fioritura di funghi, particolarmente presenti nei boschi intorno Pontinvrea, tanto che si è resa necessaria una regolamentazione particolarmente severa per la loro raccolta.

Oggi Pontinvrea, 850 abitanti che vivono sui 450 metri nella provincia di Savona, è assurta alle cronache nazionali per essere l'unico comune d'Italia dove non si pagano né Imu o Tasi sulla prima casa, né Tari. Si avete letto bene: non siamo in Qatar, non si vive di petrolio o di miniere di diamanti, ma comunque qui non si pagano le tasse comunali.

E c'è i più: non si pagano le tasse, ma il bilancio del comune non è in disavanzo! Su un bilancio di un milione di euro circa, l’avanzo di amministrazione è di 45 mila euro. Tutto merito di una buona ed attenta amministrazione delle risorse pubbliche, tutto merito del Sindaco, Camiciottoli, 44 anni, che oltre a fare il Sindaco ha un ristorante in quel di Genova Pegli.

Un piccolo paese, dominato dal Palazzo Municipale e dalla chiesa parrocchiale di San Lorenzo, apprezzata dagli amanti dell’arte sacra, e moltissimi forti e strutture militari nelle vicinanze del paese, che possono esser prese a scusa per belle e lunghe passeggiate nei boschi, che generalmente terminano in uno dei quattro ristoranti di Pontinvrea, dove a farla da padrone sono i piatti a base di funghi.

pontinvrea

Foto Davide Papalini.
Via La Stampa.

  • shares
  • Mail