Cosa vedere a Ravenna, la cripta allagata di San Francesco

La cripta allagata della Basilica di san Francesco, tra mosaici bizantini e pesci rossi.

Costruita tra il IX e il X secolo, la Basilica di San Francesco è di per sé un capolavoro architettonico che è stato riconosciuto in tutto il mondo come una delle più belle chiese del mondo antico ancora in funzione, ed anche per questo è tutelata dall'Unesco. Ma forse i più la conoscono per la cripta che si trova sotto il livello del mare, e che per questo è stata invasa dalle acque che creano una piccola piscina, dove nuotano anche alcuni pesci rossi creando un bellissimo effetto suggestivo.

La bella cripta, è un modello di progettazione di sepoltura religiosa del tempo, con splendidi soffitti a volta in pendenza, con file di colonne in pietra e un pavimento che è intarsiato con intricati modelli di piastrelle a mosaico. Costruita contemporaneamente alla chiesa nel X secolo, la cripta rimane in condizioni sorprendentemente ben conservate. Alcune delle tessere di mosaico sono scomparse, ma la maggior parte di queste sono state salvate grazie agli interventi di restauro del 1977.

Purtroppo la città di Ravenna si trova su un terreno paludoso relativamente morbido che ha portato ad una serie di problemi strutturali a diversi dei suoi splendidi palazzi, che in alcuni casi sembrano stiano lentamente affondando. Questo è certamente il caso della cripta che è costantemente riempita da diversi decimetri di acqua stagnante. Dal momento che la lotta contro l'allagamento si è rivelata infruttuosa, la cripta ora ospita diversi pesci rossi, che nuotano tra le colonne e sui suoi mosaici sommersi.

Qui i visitatori spesso gettano monete in acqua, chiedendo in cambio la buona sorte, come nella più famosa fontana di Trevi a Roma. Consiglio a tutti un visita a Ravenna, la bellissima e sottovalutata città dei mosaici, ad un tiro da schioppo da Mirabilandia.

Basilica_San_Francesco_(Krypta)

Foto Hajotthu.

  • shares
  • Mail