Venezia, arriva l'ordinanza che vieta i trolley ai turisti

Vietati trolley ed altri mezzi con rotelle piene, consentite solo le ruote di gomma gonfiate ad aria

Avete intenzione di farvi una vacanza a Venezia, la meravigliosa città della laguna? Bene, preparatevi a portare un comodo zaino da montagna in spalla, perché dal 2015 trolley e tutto ciò che ha delle rotelle alla base sarà vietato. Pena: una salata multa.

La rivoluzionaria decisione arriva dal Comune, che avrebbe in cantiere un'ordinanza - da approvare entro la fine dell'anno ma renderla operativa entro maggio 2015 - che vieta l'uso di valigie e carretti a traino in giro per le calli veneziane. Primo, perché strisciano sugli antichi masegni di Venezia, rovinandoli; secondo, perché sono rumorosi e contribuiscono ad alimentare l'inquinamento acustico.
Banditi quindi i trolley, a meno che non abbiano le ruote di gomma gonfiate ad aria.

La Serenissima ha deciso di diventare tale, così mette il silenziatore alle valigie che ogni giorno sfrecciano per calli e campielli. E chi non rispetta il divieto, multa lo colga: la sanzione va dai 100 ai 500 euro.
Il divieto verrà esteso non soltanto alle valigie, ma a tutto ciò che ha delle ruote piene per muoversi: nella black list rientrano anche i carretti di hotel e supermercati, i muletti di operatori del trasporto merci e delle lavanderie. Esentati i residenti, ma non gli operatori commerciali, quindi.
L'ordinanza non tiene conto però del numero di vigili urbani che dovrebbero essere impiegati, sui ponti e nel momento di sbarco, per l'attento controllo dei bagagli portati dai visitatori. Inoltre, se per carretti e carrelli questo particolare tipo di ruote è esistente, non lo è invece per i bagagli, che non sono dotate di ruote molleggiate. Si chiederebbe quindi al turista di portarle a mano, senza trascinarle lungo la via. Insomma, si prevede un'aspra lotta a colpi di rotelle.

People walk on the Calatrava bridge unde

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail