Hong Kong e la Cina: perché le differenze vanno oltre la protesta

Prosegue la protesta per le strade di Hong Kong. Ma quali sono le differenze più visibili tra la regione speciale e il resto della Cina?

I contestatori continuano a dormire per le strade di Hong Kong per nuove manifestazioni a sostegno della democrazia. Nei distretti di Admiralty e Causeway Bay, sull'isola di Hong Kong e nel quartiere di Mong Kok le principali vie di comunicazione sono ancora bloccate.

Sit In Protest Continues In Hong Kong Despite Chief Executive's Calls To Withdraw
(© foto Getty)

Dopo che è stato annullato il colloquio previsto con gli studenti da parte del governo, il leader studentesco Joshua Wong ha chiesto a migliaia di studenti di proseguire le proteste. Il capo del governo cinese, Li Keqiang, risponde che i cittadini di Hong Kong ed il suo governo possono garantire la stabilità. La piazza ha risposto con uno degli slogan coniati dagli studenti in questi giorni: “Aggiungiamo altra benzina” (cioé, £rafforziamo le manifestazioni£).

Difficile, se non impossibile, credere che la Cina ceda qualcosa. Hong Kong dal 1997 è una Speciale Regione Amministrativa della Cina, creata sulla base di un accordo tra Cina e Gran Bretagna, che per due secoli circa ha governato la "colonia di Hong Kong".

hongkong2

 

Pechino promette elezioni a suffragio universale per il 2017, quando si dovrà scegliere il nuovo “chief executive” o capo del governo locale (la rivoluzione degli ombrelli chiede le dimissioni di quello attuale, Leung Chun-ying, considerato una marionetta di Beijing), ma si è riservata il diritto di scegliere i candidati. Tipico della Cina. Una finta libertà. Più o meno come ha fatto in Tibet, dove pretende di piazzare il "proprio" Lama. Capite di cosa parliamo.

Viaggiando attraverso la Cina, lo stesso Tibet e raggiungendo Hong Kong, è facile notare, sia pure con occhio da semplice visitatore curioso, le immense differenze che si respirano immediatamente tra questi paesi.

cinasign

 

Restando solo al rapporto Cina/Hong Kong, va subito riconosciuto che Pechino, pur incarnando i fondamenti della Repubblica Popolare Cinese, soprattutto per quel che riguarda Storia e tradizione, non può certo rappresentare il paese più popoloso del mondo. L'enorme Cina.

cina1

 

E' evidente, però, come nella capitale e (in maniera molto meno marcata) a Shanghai, le due principali città cinesi che vivono quotidiani ed aperti rapporti con il resto del mondo, si respiri sempre la sensazione di essere proprio nella Grande Repubblica.

shanghai4

 

Tale sentimento è molto forte, specie se capita, come al sottoscritto, di provenire da un lungo viaggio in Cina. Come si sbarca ad Hong Kong, non a caso, dopo aver superato controlli e dogane, ci si sente "fuori" dai modi, per non dire imposizioni, cinesi.

hongkong4

 

Eppure, a differenza per esempio di Xi'an, dove ci si addentra per scoprire l'Esercito di Terracotta, stiamo parlando di megalopoli all'avanguardia, internazionali. Soprattutto Shanghai, dove è facile confondersi in mezzo a tanti stranieri.

shanghai

 

Tuttavia lo stile di vita è sempre frenato, come dire, controllato. A cominciare dalla connessione internet, un classico. La vera apertura al web, il ritorno alla libertà totale di navigazione lo ottieni solo quando arrivi ad Hong Kong, che in comune in comune con la Cina, ha solo lo smog.

hkong

 

Tutta la dimostrazione di modernità e tecnologia, che svetta fra i grattacieli di Pechino e Shanghai, vive un paradossale conflittodi tradizioni chiuse e cultura antioccidentale. Cosa che già si attenua scendendo verso il meridione della Repubblica (come a Guilin) e scompare del tutto fra i notturni spettacoli di luce di Hong Kong.

hongkong

 

Non è un caso se la Cina risponda alle proteste di piazza col classico metodo (vi ricordate le Olimpiadi?): "Proteste mosse da organizzazione Usa", "manipolazione da parte degli Stati Uniti". Il Quotidiano del Popolo, gestito dal Partito Comunista, accusa un’organizzazione americana no profit, la National Endowment for Democracy, di essere dietro alle manifestazioni in favore della democrazia.

shanghai2

 

E' del tutto ridicolo credere che basti piazzare una bandiera, come i cinesi amano fare, per unificare un popolo in un unico, anacronistico per molti versi, modo di vivere. Il fascino dell'incontro tra antico e moderno, non può essere vissuto, solo dagli strani scontri estetici, tipici della Cina che stiamo raccontando.

cina4

 

Mentre nel resto della Cina faticherete a sentirvi davvero liberi di fare quello che vi pare e di andare dove volete, ad Hong Kong vi capiterà di perdervi tra i suoi quartieri melting pot, mangiando ogni genere di cucina, parlando ogni lingua del mondo, facendovi capire facilmente, dimenticandovi finalmente i bigliettini per spiegare ai tassisti dove volete "essere portati".

hokong

 

Il dominio britannico ha lasciato soprattutto lo spirito sassone a permettere il commercio privato. Ad Hong Kong non avrete bisogno di intermediari. Per qualunque cosa. Potrete finalmente fare tutto da soli.

Questo comporta ovviamente di vivere anche i lati più fastidiosi della piega liberista. Come i privilegi esclusivi, le frodi facili, i vizi esposti, la trasgressione, fino alle risse per strada e alla delinquenza autentica. Tutte cose molto meno frequenti nella Cina turistica (ma occhio che è molto una facciata) dove, passeggiando su piazza Tienanmen, vi colpirà soprattutto la propaganda perfino un po' grottesca dell'ex repubblica maoista.

piazzapechino

 

Ad ogni modo, ed è questa la grande ansia del governo cinese, è molto più probabile che col tempo Hong Kong (o la ribelle Taiwan) influenzino Beijing e l'intera Cina, piuttosto che il processo si sinizzazione abbia davvero successo da queste parti. Qui, purtroppo o per fortuna, non siamo in Tibet. C'è Macao Las Vegas proprio davanti, a brillare nella notte.

Del resto se lo stesso sito ufficiale di Hong Kong recita fiero di essere una Asia's World City, un motivo ci sarà. Il grande porto asiatico resterà sempre una sorta di Rio dell'Est, cari cinesi, fatevene una ragione.

La Cina e Hong Kong

by @RondoneR - Foto © by Rondone®

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 14 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO