Non siamo preparati per il sondaggio sulla facciata di San Lorenzo a Firenze. Nuova polemica sul sondaggio proposto dal Sindaco Renzi

San Lorenzo a Firenze

E come giudica la proposta del referendum su l’opera del Buonarroti?
La stessa cosa di quando fu ventilato per l’opera di Isozaki. Il referendum va fatto in un luogo dove si presuppone che la cultura storico – artistica sia adeguata al quesito che si pone. Qui nemmeno nei licei classici si fa più storia dell’arte, come si può pensare che su un quesito di questo tipo la gente sia preparata a rispondere. Questa è demagogia. Il Direttore degli uffizi su FirenzeToday.

Insomma, potete pure ammirare le opere d'arte e pagare i biglietti d'ingresso nei musei, ma sul loro destino ne discutono e decidono gli esperti, anche quando si tratta di discutere se completare il progetto di Michelangelo, mica quello di un blogger qualsiasi.

Una risposta che, con le dovute differenze, assomiglia a quella di un un noto politico italiano che, valutava positivamente la partecipazione della società civile, salvo ritenere che la politica fosse materia dei professionisti (chi era?). Allora, nel mio piccolo, preferisco la risposta del parroco della chiesa, più interessato alle crepe della cupola che al sondaggio.

Per intanto ancora qualche giorno per votare al nostro sondaggio, che per il momento vede la prevalenza di chi è contrario al completamento della facciata secondo il disegno originario di Michelangelo; 69 no contro 59 si.

Foto | Sailko.

  • shares
  • Mail