Capocotta: il mare si mangia la spiaggia nudista


La furia del mare continua ad accanirsi sugli arenili e a riprendersi la sabbia depositata negli anni. L'ultima vittima di questo processo è la spiaggia di Capocotta, sul litorale laziale, tra Pomezia e Fiumicino. La località, nota soprattutto per essere un'Oasi Naturista, dove si può prendere il sole anche in costume adamitico, ha subito una forte erosione, che ha spazzato via 50 metri di litorale. Da un mese mareggiate e correnti hanno cancellato l'arenile. La linea di battigia è arretrata di una cinquantina di metri, sino a raggiungere le dune tutelate della Riserva del litorale..

L'erosione del mare si verificherebbe normalmente, ogni anno, in questa zona. L'unica novità è che la sabbia non è tornata, come invece avviene d'abitudine, ed ora i titolari degli stabilimenti non saprebbero neppure dove piazzate gli ombrelloni.

La cosa davvero singolare del fenomeno riguarda la sua precisione chirurgica: pare infatti che a nord e a sud della spiaggia nudista, al Porto di Enea e al Settimo Cielo, la situazione sia molto meno critica.

Via | Corriere.it
Foto | Flickr

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 9 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail