Unesco, il relitto ritrovato ad Haiti non è la Santa Maria di Cristoforo Colombo

Il relitto era stato ritrovato dall'archeologo marino ed esploratore americano Barry Clifford


Il mare intorno a Cap-Haïtien.

Il relitto ritrovato nel maggio 2014 al largo di Haiti non è la Santa Maria di Cristoforo Colombo.

Lo ha annunciato l'Unesco sulla base delle conclusioni degli esperti inviati sul sito su richiesta del governo haitiano:

"Il relitto presentato nel maggio 2014 come quello della Santa Maria da un esploratore americano non può essere la caravella di Cristoforo Colombo. Ora c'è una prova inconfutabile che il relitto risale a un'epoca molto più tardiva"

Secondo gli studiosi mandati ad Haiti per effettuare i rilievi, guidati dall'ex direttore del Museo nazionale spagnolo di archeologia marina Xavier Nieto Prieto, i resti rinvenuti nel luogo del ritrovamento

"sono di una nave molto più recente, essendo di lega di rame, mente la Santa Maria avrebbe dovuto avere fermagli di ferro e di legno"

Lo riferisce la Bbc. Inoltre i reperti indicherebbero una

"tecnica di costruzione che fa risalire questa nave alla fine del XVII o al XVIII secolo e non al XV o XVI secolo"

Aggiornamento di Arianna Ascione

Via | Adnkronos

Il ritrovamento

Barry Clifford, un archeologo ed esploratore marino statunitense, ha annunciato al mondo di aver trovato i resti di quella che era la Santa Maria, una delle tre Caravelle con cui Cristoforo Colombo e il suo equipaggio, hanno dato il via all'epoca moderna. Se confermata, il ritrovamento sarebbe uno dei più importanti ritrovamenti archeologi marini di tutti i tempi.

Il 25 dicembre 1492 durante una notte calmissima, durante la quale tutto l'equipaggio era andato a dormire meno un giovanissimo mozzo cui era stato affidato la barra del timone, si incagliò su una barriera corallina di Haiti andando persa. Wikipedia (n.b. si può donare il 5 × 1000 anche a Wikimedia Italia)

Secondo quanto annotato dallo stesso Colombo, la nave si trova a poche miglia fuori da dove poi fu fondata La Navidad sulla costa nord-occidentale di Haiti, per la cui costruzione furono utilizzati anche parti del relitto. Il luogo dove si trovava La Navidad fu riscoperto nel 1977 da William Hodges, un missionario medico statunitense, archeologo per passione.

Il sito archeologico di La Navidad si trova nelle vicinanze di Cap-Haïtien, quasi 200.000 abitanti, per una delle storiche città dello sfortunato stato caraibico. E nonostante tutte le calamità che hanno colpito "il lato sbagliato" di Santo Domingo, Cap-Haïtien sta conoscendo un certo sviluppo turistico internazionale, soprattutto grazie alle bellezze naturali di certi tratti di costa (stiamo sempre ai Caraibi), come Labadee, ripreso nella fotografia.

La speranza è che questo ritrovamento, se confermato, sia di aiuto allo sviluppo economico di Haiti.

Labadee ad Haiti

Foto Wikimedia Commons.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 17 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO