Ad Alghero una piazza per Giuni Russo

A quasi 10 anni dalla scomparsa, Alghero dedica una piazza alla cantautrice siciliana che l'ha resa famosa in tutto il mondo.

"Voglio andare ad Alghero, in compagnia di uno straniero...". Così cantava la favolosa Giuni Russo nel 1986, in un brano, "Alghero" appunto, che fece conoscere questa città della Sardegna a tutta l' Italia e anche al resto del mondo.

Oggi Alghero ricambia la riconoscenza e a quasi 10 anni dalla scomparsa della cantautrice palermitana, le dedica una piazza: Piazza Mirador Giuni Russo.
La cerimonia si svolgerà il prossimo 23 aprile, una manifestazione simbolica che va a rafforzare il forte legame tre Giuni e questa città catalana, conosciuta anche come "Barceloneta", piccola Barcellona. Un motivo in più per andare - o per restare, se l'avete già scelta come meta per le vostre vacanze pasquali - a far visita a questa splendida città della provincia di Sassari in cui ancora si parla la lingua catalana, come a Barcellona, appunto.

Radici e tradizioni catalane che spuntano soprattutto in occasione della Settimana Santa, momento religioso in cui emergono le antiche tradizioni spagnole, in una serie di riti che richiamano migliaia di turisti da ogni parte del mondo.
Ma Alghero è soprattutto meta estiva, con le sue spiagge (come la spiaggia di Maria Pia o quella del Lazzaretto), il suo centro storico caratteristico da girare a piedi o noleggiando una bicicletta e il famoso promontorio di Capo Caccia, magari approfittandone noleggiando una barca e farvi un giro fino alla Grotta di Nettuno.

E poi,  last but not  least, la cucina, con i suoi prodotti tipici: i dolci, con tanto miele e frutta secca, pesce e crostacei (la famosa aragosta di Alghero), e la paella. E come souvenir da portare a casa, un ogetto d'artigianato in corallo rosso, di cui la zona è ricca.


    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su

App Store


    e su

Google Play

    ed è gratuita.
  • shares
  • Mail