10 musei dove celebrare la storia degli afroamericani

Oggi andiamo a scoprire quali siano i 10 musei degli Stati Uniti dove celebrare e scoprire la storia degli afroamericani. Nel video potete vedere per esempio il Charles H. Wright Museum of African American History di Detroit.

Volete conoscere qualche dettaglio in più sulla storia degli afroamericani? Ecco dieci musei negli Stati Uniti dove poter apprendere qualche nozione storica. A dire il vero la storia degli afroamericani viene celebrata ogni anni negli USA a febbraio, tuttavia ci sono altre istituzioni dove poter accrescere la nostra cultura in merito nel corso di tutto l'anno. Come dice Robert Luckett, assistente professore e direttore del Margaret Walker Center al Jackson State University nel Mississippi: "I musei ci danno l'opportunità di riflette sul fatto che la storia afroamericana è la storia americana".

Dieci musei dove studiare la storia degli afroamericani


National Civil Rights Museum Memphis

Il nostro viaggio comincia al Birmingham Civil Rights Institute in Alabama. E' stato uno dei primi musei degli Stati Uniti a conservare e ricordare la storia del movimento per i diritti civili. Racconta i momenti storici più importanti e anche i Freedom Rides. Passiamo poi al Negro Leagues Baseball Museum e all'American Jazz Museum di Kansas City: sono due musei siti nel medesimo edificio. Il museo del baseball onora i migliori giocatori e esplora il ruolo del campionato all'interno della società, mentre il museo del Jazz ci parla di tutti i musicisti, con particolare riferimento agli afroamericani.

Se ci spostiamo a Memphis troviamo il National Civil Rights Museum: è stato costruito intorno al Lorraine Motle, dove Martin Luther King Jr. venne ucciso nel 1968 e comprende anche la pensione dalla quale il suo assassino, James Earl Ray, sparò il colpo mortale. Lo stesso Luckett dichiara che guardare fuori da quella finestra è veramente inquietante. A Chicago troviamo il DuSable Museum of African American History. Si tratta di uno dei principali musei della nazione che parla della storia afroamericana. Aperto nel 1957, è noto soprattutto per le sue mostre innovative come quella dal titolo Red, White, Blue & Black: A History Of Blacks In The Armed Services.

Andiamo ora a Detroit, più precisamente al Charles H. Wright Museum of African American History. Qui vengono programmate una serie intera di mostre sulla storia afroamericana, corredate della proiezioni di video che parlano proprio della liberazione. A Cincinnati, invece, abbiamo il National Underground Railroad Freedom Center. Si tratta di un museo molto imponente, vicino al fiume Ohio con una vista spettacolare sul corso d'acqua che ha rappresentato per anni la libertà degli schiavi in fuga dal Kentucky.

A Boston troviamo il Museum of African American History: uno dei due edifici che compongono il campus di Boston del museo, il Meeting House, è stato tutto realizzato da artigiani afroamericani e risuona letteralmente della loro storia. A San Francisco, invece, abbiamo il Museum of the African Diaspora: questa istituzione si basa sul concetto che tutta l'umanità può rintracciare le proprie origini nel continente africano.

Spostiamoci a Baltimora, più precisamente al Reginald F. Lewis Museum of Maryland African American History and Culture: il design particolare di questo museo è stato realizzato ispirandosi alle navi degli schiavi. Costruito da Philip G. Freelon, l'architetto sta pianificando anche la costruzione del National Museum of African American History and Culture a Washington. Infine il nostro viaggio termina a Greensboro, all'International Civil Rights Center & Museum. Nel 1960 quattro studenti universitari in lotta per i diritti civili organizzarono un sit-in a Woolworth dopo che erano stati respinti dal negozio a causa del colore della loro pelle. Il museo è stato proprio costruito dove un tempo sorgeva il negozio ed è comprensivo di una fontana.

Leggi anche: l'Exploratorium, il museo di San Francisco e i 20 musei più visitati nel 2013.

Via | Usatoday

Foto | Haydn

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • +1
  • Mail