Cin cin, paese che vai usanze che trovi


Quando si viaggia, una delle cose più divertenti, è notare le differenze tra le nostre abitudini e quelle del paese dove ci si trova, a patto di non diventare noi oggetto di divertimento (o di riprovazione) per comportamenti giudicati "altrimenti" all'estero, anche quando si beve.

In Giappone chi si riempe il bicchiere da solo è considerato un ubriacone; meglio aspettare che la persona accanto riempia il bicchiere per voi (ovviamente si aspetta la stessa cortesia da noi..).

Se in Armenia svuotate la bottiglia nel bicchiere di un altro commensale i(ovviamente in un luogo pubblico), lo obbligate a comprare la prossima bottiglia; è educazione versare l'ultima goccia nel proprio bicchiere.

Via lonelyplanet.
Foto Thomas Teffaine Photographie | Kyle May | williamcho | Darwin Bell | andi.vs.zf | jurvetson | Aziz J.Hayat.


In Australia, se vi trovate con un gruppo di persone, è usanza strillare per un giro (l'equivalente rumoroso del nostro chiamare un giro); ognuno dei partecipanti deve urlare, e pagare, il proprio (della serie non provate ad andare via prima di aver chiamato il vostro...).

In Russia non provare a sorseggiare la vodka, a gustarla, mixarla, o diluirla; prendete il bicchiere e giù in un unico sorso. Unica eccezione, le donne (ma se volete provare nessuno vi fermerà).

In Svezia solo i "burini" fanno cin cin, al di fuori delle circostanze ufficiali, nel qual caso è d'obbligo lo skals.

  • shares
  • Mail