Attentato a Taba sul Mar Rosso in Egitto, uccisi 3 turisti coreani e l'autista egiziano

16 febbraio 2014. Tre turisti e un autista morti in un attentato nel nord del Sinai.


Nel video quelle che sembrerebbero le immagini dell'esplosione riprese ieri domenica 16 febbraio 2014 dal lato israeliano del confine.

Almeno quattro persone sono morte, ed altre 14 sono rimaste ferite, ieri domenica 16 febbraio 2014, in un'esplosione su un autobus turistico avvenuto nella località turistica egiziana sul mar Rosso di Taba.

Ufficiali dell'esercito egiziano hanno riportato che il bus, con a bordo 33 turisti provenienti dalla Corea del Sud, era di ritorno da un'escursione per visitare il monastero greco-ortodosso di Santa Caterina nella penisola del Sinai. L'autobus era diretto in Israele e stava aspettando in fila nei pressi della frontiera.

Nell'attentato sono rimasti uccisi tre turisti coreani e l'autista egiziano del bus. Le autorità del paese hanno poi dichiarato che il governo egiziano ha preso tutte le misure necessarie per proteggere i turisti nel paese.

Nella penisola del Sinai si fa sempre più attiva la presenza dei terroristi islamici. Nello scorso mese di gennaio, tre soldati sono stati uccisi quando uomini armati hanno attaccato il loro autobus. A novembre dello scorso anno, un'autobomba aveva ucciso 10 soldati .

Taba si trova nella parte nord-orientale della penisola del Sinai, a pochi chilometri da Israele, ad oltre 220 chilometri a nord di Shar El Sheik. Nel 2004 qui si verificò un triplo attentato triplo a danni dei turisti che soggiornavano negli hotel della città. Allora morirono 34 persone.

Ancora nessun aggiornamento sul sito del nostro Ministero degli Esteri, che riporta: "Si sconsigliano i viaggi non indispensabili nel Paese con destinazioni diverse dai resorts situati nelle località turistiche del Mar Rosso, in quelle dell'alto Egitto ed in quelle della Costa Mediterranea."

Posizione Taba


Confine a taba in egitto

Foto Wikimedia Commons.

  • shares
  • +1
  • Mail