Secondo Skyscanner, l'effetto Egitto si riflette negativamente su Giordania, Cipro e Turchia

tempio egiziano
La crisi egiziana ha dispiegato immediatamente i suoi effetti sul settore turistico (tralasciando qui gli effetti che sta avendo sugli egiziani...), evidenti nella lunga sequenza di annunci con cui i diversi tour operator e carriere internazionali comunicano la sospensione dei propri servizi verso l'Egitto (come quello di Costa Crociere ad esempio).

Ma se osservare la brusca frenata nella domanda turistica verso l'Egitto rasenta la banalità, l'analisi degli effetti della crisi egiziana sulla domanda turistica internazionale condotta da SkyScanner, il primo motore di ricerca di voli gratuito in Italia, può risultare sorprendente, soprattutto tra i non addetti ai lavori,.

I recenti disordini in Egitto e Tunisia sembrano avere avuto un impatto negativo sulla fiducia dei consumatori nel trascorrere le vacanze nei paesi limitrofi. La Giordania sembra aver accusato il colpo peggiore con un calo nelle ricerche di voli del 19%, mentre Cipro e la Turchia, anche se in misura minore, hanno subito effetti negativi con le ricerche scese del 9% verso l’isola e del 5% sui voli per Istanbul e dintorni.” Ansa.

Per questi paesi però SkyScanner, sulla base di fenomeni simili (vedi l'anno scorso la Thailandia ad esempio), prevede effetti solo nel breve periodo, come se il popolo dei viaggiatori, cercando di capire l'evolversi della situazione nelle zone limitrofe a quella dove si è registrata la crisi, si fosse concesso una pausa.

Foto | hermenpaca.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: