Gli scali milanesi perdono voli, è un problema per l’Expo?

In linea con il trend nazionale, tutti gli aeroporti milanesi, tranne Orio al Serio, vedono calare il numero di passeggeri nel 2013

Orio al Serio

Secondo gli ultimi dati relativi al traffico passeggeri negli aeroporti (disponibili fino a novembre, ma rapportati allo stesso periodo dell’anno precedente), il 2013 non è stato un buon anno per gli aeroporti milanesi.

Malpensa ha perso il 3,5% dei passeggeri, Linate il 2,7% e Montichiari (Brescia) ha addirittura dimezzato il suo traffico, che è calato del del 55%, seppure su aeroporti tanto piccoli basta una tratta che va o che viene per produrre oscillazioni significative. Solo Orio al Serio (Bergamo), ormai diventato la casa delle compagnie low cost, in primis Ryanair, può vantare un piccolo trend positivo con un aumento dei passeggeri dello 0,4%.

Questi dati si inseriscono in una fase di riorganizzazione degli aeroporti nazionali, con il nuovo piano nazionale che abbiamo già visto ha in sostanza confermato gli aeroporti strategici esistenti, apportando poche modifiche a quelli di interesse nazionale, rispetto ai quali è stato aggiunto proprio Montichiari .

Proprio all’area del Nord Ovest si guarda con attenzione perché i suoi scali saranno i punti di arrivo e partenza principali per l’Expo 2015, che farà sicuramente da traino per un notevole aumento di passeggeri in quell’area, rispetto al quale sarà opportuno farsi trovare pronti.

Via | Corriere della Sera
Foto | Mauro Edmundo Pedretti

  • shares
  • Mail