Federconsumatori ottiene l'indennizzo per i viaggiatori del Freccia Argento Roma - Venezia del 16 dicembre 2010


Ricordiamo i fatti: alle 14:45 del 16 dicembre 2010, in perfetto orario, parte dalla stazione Termini di Roma, il Freccia Argento di Trenitalia, diretto alla volta di Venezia. Dopo appena una ventina di minuti di viaggio si verifica il guasto che costringerà i passeggeri ad una sosta in una galleria tra Capena e Sant’Oreste, dove dopo circa tre ore e mezza il convoglio è stato agganciato da un altro locomotore, che li ha trainati fino ad Orte, dove sono stati fatti salire su un secondo Freccia Argento, con il quale sono arrivati a destino.

Per quel viaggio da incubo, Federconsumatori, sostenuta da circa 200 di quei sfortunati viaggiatori, ha ottenuto un indennizzo straordinario (non nel senso di eccezionale, ma nel senso di extra) per i viaggiatori del Freccia Argento Roma, che oltre a vedersi rimborsati il biglietto di viaggio, otterranno un indennizzo di 150 euro a persona (tutti i passeggeri, anche quelli che non hanno firmato la petizione di Federconsumatori).

Per ottenere quanto dovuto basterà, a partire dal 10 gennaio, compilare la richiesta con un semplice prestampato di Trenitalia, in una delle stazioni di partenza, fermata e arrivo del treno 9416 coinvolto nel guasto, ovvero Roma Termini, Firenze SMN, Bologna Centrale, Padova, Venezia Mestre e Venezia SL.

Foto | star5112.

  • shares
  • Mail