Paese che vai, Natale che trovi: in Terra Santa è לעבעדיק ניטל


Anche se la Terra Santa si trova all’interno del territorio di Israele, che come tutti sappiamo è uno Stato ebraico, le comunità cristiane presenti sono molte e assai attive: per loro il Natale è un momento di gioia, importantissimo da festeggiare al meglio.

Proprio in Terra Santa, poi, a Betlemme, si trova la Basilica della Natività, eretta sul punto in cui si credeva si trovasse la mangiatoia di cui racconta il Vangelo e che viene indicato con 12 stelle argentate. Molte stelle di colore rosso, inoltre, vengono usate per addobbare le case cristiane della città.

Tutta la chiesa, inoltre, viene ‘vestita’ per le Feste con luci e bandiere colorate e costituisce il punto d’arrivo per la processione annuale guidata da fantini che cavalcano cavalli arabi e scortano un cavaliere solitario che porta una croce.

Le funzioni religiose che si svolgono in questi giorni, data la varietà delle comunità esistenti, seguono i diversi riti: cattolico romano, protestante, greco-ortodosso, copto, siriano e armeno. Il giorno di Natale, oltre alla Messa in cui viene benedetta l’acqua, della quale tutti i fedeli bevono un sorso, i bambini scartano i regali prima di colazione e a pranzo si mangia tacchino speziato con cannella, servito con riso e frutta secca.

Per la chiesa greco-ortodossa, infine, il momento culminante delle Feste è il giorno dell’Epifania, in cui si svolge un rito singolare: una grande croce viene immersa in acqua benedetta e quest’acqua viene poi consegnata ai fedeli che la portano a casa e, una volta a tavola, ne bevono tre sorsi prima di consumare insieme il pasto della festa.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail