Paese che vai, Natale che trovi: in Finlandia è Hyvää Joulua


Avete presente l’espressione ‘fare le pulizie di Natale’? Ebbene, pare proprio abbia origine in questo freddissimo Paese: i finlandesi, infatti, si preparano al Natale ripulendo da cima a fondo la casa, in modo da accogliere meglio il Bambino Gesù che nasce.

In giardino, invece, viene legato un fascio di grano su una lunga asta in giardino che sarà, in pratica, il cenone di Natale degli uccelli: alla vigilia, infatti, non ci si metterà a tavola finché questi non avranno sbocconcellato tutti i chicchi e finché in cielo non spunterà la prima stella.

La giornata del 24, per i finlandesi, si svolge in maniera tranquilla, dopo aver passato giorni ai fornelli per preparare manicaretti da regalare agli amici. La mattina si addobba l’albero di Natale, poi si va con gli amici a fare una sauna.

A tavola si servono merluzzo essiccato, baccalà sotto sale, carne di manzo, maiale arrosto e patate bollite; dopo cena i bambini si mettono a guardare dalla finestra aspettando l’arrivo di Babbo Natale, che, abitando in Lapponia, per arrivare da loro non deve mai fare troppa strada.

In genere arriva un parente travestito da Babbo Natale a consegnare i doni per i più piccoli, mentre quello originale abita con Mamma Natale e molti aiutanti all’interno della montagna Korvatunturi, che ha tre orecchie in modo da poter ascoltare più facilmente tutti i desideri dei bambini del mondo.

Nessuno sa bene dove si trovi l’entrata della sua casa dentro la montagna, ma potete provare a cercarla: magari se sarete fortunati incontrerete la renna Rudolph, la capo-slitta, che ha il naso rosso che le brilla! Occhio a non disturbare Babbo Natale: lui e i suoi elfi in questi giorni hanno molto da fare a leggere tutte le letterine...

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail