Ryanair diminuisce i voli in Germania a causa delle tasse aeroportuali

Boeing 737 Ryanair

Ecco, appunto: lunedì vi parlavo dell'Irlanda che ha abbassato le tasse aeroportuali per incentivare il turismo, confrontandola con altre nazioni (Italia, Inghilterra e Germania) che hanno recentemente operato in direzione contraria, ed ecco che ieri sera giunge un comunicato stampa di una incavolatissima Ryanair riguardante le tasse aeroportuali europee.

Nel comunicato si polemizza a chiare lettere contro la tassa turistica (8 euro a passeggero per volo) introdotta di recente dal governo tedesco, che, si legge, "renderà la Germania una destinazione meno competitiva" confrontando l'operato dei tedeschi con quello di altri paesi quali Olanda, Belgio, Grecia, Spagna e Irlanda che hanno invece ridotto o azzerato queste tasse.

Ryanair taglierà ben 414 voli settimanali dagli aeroporti di Berlino, Brema, Dusseldorf, e Francoforte, con una stima di posti di lavoro persi pari a 3.000 unità e 3 milioni di passeggeri in transito in meno, e - cito il comunicato - "sposterà gli aeromobili in basi fuori dalla Germania presso paesi che accolgono i turisti invece di tassarli".

Foto | Flox Papa

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: