Mega strutture, il G-Cans Project, per salvare Tokyo dalle inondazioni


Il più grande sistema sotterraneo del mondo per il controllo delle inondazioni, si trova a Tokyo in Giappone.

Il G-Cans Project, per salvare Tokyo dalle inondazioni

Quando ho visto questa fotografia ho pensato ad un versione moderna delle cisterne che rifornivano il Palazzo Topkapi di Istanbul, e non sono andata troppo lontana, visto che anche questa mega struttura ha a che fare con l'acqua.

Ma se le cisterne servivano a raccogliere e conservare l'acqua, questa specie di "cattedrale" moderna sotterranea, serve a far defluire le acque, nel caso in cui la città fosse colpita da un'inondazione, che nel caso migliore, assume la forma e sostanza di un tifone.

Il lavoro sul progetto è iniziato nel 1992 ed è stato completato all'inizio del 2009, e si compone di cinque silos di contenimento in cemento, alti 65 metri e con di diametro di 32, collegati, da oltre 6 km di gallerie a 50 metri sotto la superficie.

A completare l'opera, un grande serbatoio con un'altezza di "soli" 25 metri, lungo 177, largo 78, dove si contano 59 massicci pilastri, collegati a una serie di pompe da 10 MW, capaci di pompare fuori fino a 200 tonnellate di acqua (più o meno come una piscina di 25 metri).

Questa mega struttura si trova a Kasukabe vicino Tokyo, ed è visitabile, dal martedì al venerdì, tre volte al giorno. Guida in giapponese, e biglietto d'ingresso che costa intorno ai 10 euro.

Vedi anche Capodanno 2014 a Tokyo, la statua della Libertà di Tokyo e l'incrocio pedonale più grande del mondo.
Sito ufficiale in inglese.

Foto Stan Chow, eerkmans, takot.

  • shares
  • Mail