Perché andare in agriturismo, anche per le vacanze di natale

Contatto con la natura, cibo bio e poco stress. Soprattutto per le famiglie, il turismo rurale rimane al top e migliora qualità e offerta


L'agriturismo evoca vacanze bucoliche in contatto con la natura. Lontani da inquinamento, stress metropolitano e traffico. Sì, impareggiabili risvegli, senza clacson e rumori, se non quelli dello stormire degli alberi e del canto degli uccellini.

Tutto vero, ma il cosiddetto turismo rurale, offre altri risvolti che fanno bene a corpo ed anima. Perché si sceglie di andare in vacanza in agriturismo? Come è, quello che potremmo definire, un agriturista perfetto? E poi, chi l'ha detto che le vacanze in agriturismo vanno bene solo con la bella stagione? I Natale e i Capodanno possono essere molto scenografici se vissuti in un borgo montano come nelle località dell'Alto Adige, dove si segnala il Maso Waldnerhof perfetto per le famiglie. Alla vita di fattoria nell'altopiano delle mele, si possono abbinare giri per i mercatini di natale o gite sulle neve.

Intanto archiviata in parte, la visione di casale, gli agriturismi saranno genuini ma non certo alla buona, ormai vantano arredi curati, degni di un 5 stelle e spesso, l'ambiente è stato creato con materiali ecocompatibili, seguendo le direttive della bioarchitettura e del feng shui, la disciplina orientale che dedica particolare attenzione alla distribuzione dell'energia degli spazi, come accade nell'agriturismo il Mulino, un vero e proprio centro di benessere olistico, a Borzonasca, affacciato sul golfo del Tigullio, con stanze complete di riscaldamento radiante, in cui sarà un piacere passeggiare a piedi scalzi.

Di solito quando si va alla ricerca dell'agriturismo, si desidera potersi concedere, anche solo lo spazio delle ferie, cucina bio, il più possibile certificata. A cominciare dalle colazioni con torte e biscotti fatte in casa, e altri privilegi da vita di campagna, esiste una realtà come Agriturismo Sant'Egle, a Pitigliano, un'antica dogana seicentesca, in provincia di Grosseto che offre una vera e propria vacanza ad impatto zero: il giardino con i suoi fiori, le coltivazioni biodinamiche, le camere, la locanda bio e uno shop bio, per portarsi a casa un po' di benessere provato e testato nella Maremma.

E se volete essere sicuri che i vostri soldi spesi in vacanze vadano a foraggiare un circuito alternativi di consumo critico, optate per la lista fornita da Addiopizzo travel, troverete strutture che non pagano il pizzo, o sorte in edifici che sono stati confiscati alla mafia, adesso gestiti da cooperative di giovani che intervengono direttamente sul territorio siciliano. L'agriturismo Portella della Ginestra, ad esempio, vicino Piana degli Albanesi, organizza anche il cenone di Capodanno con i prodotti Libera Terra. I luoghi poi, sono bellissimi, da vedere.

  • shares
  • Mail