10 cose da fare a Minsk

Minsk

Proabilmente la prima cosa da fare a Minsk, o se vogliamo la numero zero, è proprio andare a Minsk. Città che per certi versi non ti aspetti, con da un lato la sontuosità e la seriosità del periodo sovietico, dall’altro una certa vitalità. Ecco un elenco di cose da fare.

Visitare il Museo della Grande guerra patriottica - Loro chiamano così la Seconda guerra mondiale: l’allestimento è buono, anche piuttosto scenografico, ma non aspettatevi di trovare neanche una didascalia in inglese o che alla biglietteria sappiano almeno dire “ticket”. In realtà, alla fine della fiera, è più affascinante così, anche se a quanto pare esiste una possibilità di prenotare una visita in inglese.

Camminare per Prospekt Nezavisimosti - In realtà è una cosa che farete più e più volte, essendo la strada cittadina centrale dalla quale si aprono le principali piazze. Questo è una sorta di consiglio bonus, o se preferite matrioska, perché in effetti la strada racchiude diverse altre cose da vedere. Attenzione alle foto che non si possono fare alla sede del KGB, e attenzione anche al fatto che funziona ancora, senza che neanche gli abbiano cambiato nome. Andando avanti, un’altra piccola deviazione, soprattutto serale, merita il Palazzo presidenziale (anche qui attenti con le foto).

Girare per Piazza dell’Indipendenza - Di fatto segna l’inizio della strada principale, con palazzi davvero imponenti. Da non perdere qui la Chiesa dei Santi Simone e Elena, anche detta Chiesa rossa.

Passeggiare sull’Isola delle lacrime - Qui c’è un santuario che ricorda i caduti nell’invasione sovietica dell’Afghanistan. Suggestivo il monumento, molto curata e ben tenuta la zona, piacevole anche per una passeggiata in riva al fiume. È inoltre a ridosso della città vecchia, l’unico punto con strade più strette di quattro corsie.

Visitare il Museo delle belle arti - Non molto ricco a dire il vero, ma comuque interessante. Anche in questo caso si tratta di una piccola deviazione dalla strada principale, su via Lenin.

Una passeggiata per il Parco Gorky - Un parco centralissimo attraversato da un fiume. Quello che colpisce qui è la cura con cui sono tenuti vialetti e aiuole. C’è anche una ruota panoramica.

Camminare per Piazza della Vittoria - Si trova sempre lungo la strada principale, verso est. Qui c’è un obelisco e il fuoco che ricorda i militari e patrioti sovietici caduti nelle guerre. Da andarci anche di sera.

Un giro ai grandi magazzini Gum e Tsum - Forse non comprerete niente, ma interessanti per come sono impostati: una specie di mercato “open space”, con zero vetrine fuori e atmosfera molto sobria. I prezzi, comunque, sono notevolmente bassi. I Gum si trovano sulla strada principale (dove sennò) e in centro, gli Tsum anche, ma più a est. Un centro commerciale più per turisti si trova invece sotto piazza Indipendenza (v. sopra).

Passeggiare per Parco Chelyuskintev e i Giardini botanici - Un’area verde piuttosto estesa nella zona est della città. Sulla strada principale? Risposta esatta. Al suo interno, oltre al giardino in sé, un piccolo luna park, a suo modo caratteristico. Curiosità: le montagne russe vengono chiamate “colline americane”.

Visitare la Biblioteca nazionale - Non è così brutta come dicono. Più che altro, si inserisce in un quartiere e in un parco di opere faraoniche che tanno costruendo lì intorno. Il panorama dall’alto è notevole, ma andateci anche di notte.

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: