L'Italia toglie lo sconsiglio sui viaggi in Egitto, ma consiglia di viaggiare con tour operator affidabili

Anche l'Italia, dopo la Gran Bretagna, togli lo sconsiglio per i viaggi nei resort del mar Rosso e dell'alto Egitto.

tempio di karnak

Aggiornamento sullo sconsiglio per i viaggi in Egitto da parte della Farnesina. "Si sconsigliano i viaggi non essenziali nel Paese con destinazioni diverse dai resorts situati nelle località turistiche del Mar Rosso (Sharm el Sheikh, Marsa Alam, Berenice e Hurgada) ed in quelle dell'alto Egitto (Luxor e Assuan).".

Insomma, a parte la circonlocuzione e la s di resorts (il plurale delle parole straniere è invariato in italiano), il MAE ci comunica che i tour operator possono tornare ad offrire pacchetti viaggio con destinazione i resort del mare Rosso e l'Alto Egitto.

Ovviamente rimetterere in moto una macchina organizzativa complessa come quella dei tour operator non è cosa semplice, per cui gli esperti del settore stimano che si riprenderà a viaggiare per queste destinazione turistiche entro la prima quindicina di dicembre.

Ma se facciamo un viaggio in Egitto dobbiamo continuare a prestare la massima attenzione a quanto accade nel paese, perché come ci raccontano gli amici di Polisblog la situazione è tutt'altro che pacificata.

Piazza Tahrir, al Cairo, è di nuovo dei manifestanti. Sono in mille e stanno contestando il regime militare guidato dal generale al Sisi. Alcune persone - secondo fonti locali - sono salite sul monumento inaugurato oggi dal premier egiziano Hazem el Beblawy per commemorare le vittime della rivoluzione: hanno chiesto “giustizia per tutti i martiri” e criticato aspramente il nuovo corso del Paese. Polisblog

Proprio per questo motivo la Farnesina, per il tramite del sito ViaggiareSicuri, si raccomanda con queste testuali parole: "Si raccomanda di affidarsi a Tour Operators in grado di assicurare ottimali cornici di sicurezza, evitando viaggi singoli e/o organizzati da agenzie od operatori non certificati".

Foto Dorena-wm.

  • shares
  • Mail