Atlante delle isole remote, il libro di Judith Schalansky sulle isole sperdute e misteriose

Oggi vi presentiamo un libro che può essere un'ottima idea regalo per Natale: stiamo parlando dell'Atlante delle isole remote di Judith Schalansky.

Atlante delle isole remote Judith Schalansky

Siete alla ricerca di un'idea regalo per Natale? Se avete amici a cui piace viaggiare o che gradiscono sfogliare libri diversi dal solito, allora vi consigliamo Atlante delle isole remote. Scritto dall'autrice tedesca Judith Schalansky, in Italia viene edito da Bompiani: al costo di 21,50 euro, in 144 pagine la scrittrice ci fornisce una visuale di 50 isole "dove non sono mai stata né mai andrò", testuali sue parole, isole sperdute e misteriose.

A partire da quello scoglio in mezzo al nulla che è l'isola di Howland, microscopico pezzo di terra in mezzo all'Oceano Pacifico, quello della trasvolata in solitaria della pioniera Amelia Earhart per intenderci, quello che avrebbe dovuto garantirle i rifornimenti, ma che non raggiunse mai.

L'Atlante delle isole remote di Judith Schalansky: la genesi



Sono cinquanta le isole di cui la scrittrice Judith Schalansky parla nel suo Atlante delle isole remote, corredato di tantissime immagini e cartine. Il fondamento di questo libro è abbastanza semplice: spesso sulle cartine geografiche le proporzioni sembrano essere distorte, bisogna saperle interpretare. Pensiamo alla rappresentazione della Terra sugli atlanti, appiattita per necessità: l'Africa e la Groenlandia ci manca poco che sembrino grandi uguali, anche se in realtà l'Africa è grande circa quattordici volte la Groenlandia. E anche quando guardiamo una cartina, non possiamo non notare come le strade e le autostrade appaiano distorte.

Quindi Judith Schalansky parte dall'assunto che cartine geografiche e mappamondi un po' imbroglino, non con cattiveria, ma per necessità. Ma sempre di inganni si tratta. Ecco che allora la scrittrice decide di esplorare in maniera virtuale tutte quelle isole che, essendo parecchio lontane dalla terraferma, vengono purtroppo escluse dalle carte geografiche ufficiali, quasi come se non esistessero. O se gli va bene, vengono accatastate una sull'altra ad un'estremità della mappa, tralasciando dettagli a quanto pare poco fondamentali come le reali coordinate geografiche.

Ritratti di 50 isole sperdute

Judith Schalansky definisce queste cinquanta isole come "note a piè di pagina della terraferma", un'immagine che sembra descrivere alla perfezione la loro situazione. Fra queste 50 isole, troveremo nomi noti come Sant'Elena o le piccole isolette associate ai nomi di Darwin, Magellano e Cook. Ma ci saranno anche le piccole isole dove per esempio è normale il cannibalismo o l'incesto. Prendiamo l'isola inglese di St. Kilda: venne evacuata negli anni Trenta e si scoprì che qui i bambini morivano poco dopo nati, forse a causa di un'alimentazione errata o per i rapporti troppo stretti di parentela dovuti alla scarsità di popolazione locale.

Un'altra isola di cui Judith Schalansky ci parla è quella di Pinglap in Micronesia: a causa di un tifone, sopravvissero pochissimi indigeni, alcuni dei quali portatori di una mutazione di un cromosoma che causava daltonismo totale. Il risultato è che a distanza di anni un decimo della popolazione è daltonica. E abbiamo anche l'isola di Floreana, nell'Ecuador, dove nel 1932 la baronessa Eloise Wagner de Bousquet decise di crearsi la sua piccola dittatura personale, realizzando un albergo per milionari e portandosi appresso amanti, animali e tutto il cemento necessario per creare il suo sogno. Che appunto è rimasto un sogno, visto che scomparvero tutti nel nulla e di loro rimase solo un telo teso fra dei picchetti con su scritto Hacienda Paradiso.

Via | La Stampa

Foto | Aroberts

  • shares
  • Mail