Tibet, l'aeroporto più alto del mondo ora funziona

E' stato inaugurato in Tibet l'aeroporto civile più alto del mondo: si trova a Garzi, nella remota regione sud-occidentale del Sichuan, a 4.411 metri sul livello del mare.

Lo scalo di Daocheng è finalmente in funzione. Con un po' di ritardo rispetto alle previsioni cinesi (doveva succedere in maggio), dopo il primo volo di prova di circa un anno fa.

Garzi si trova nella regione remota del Sichuan, a 4.411 metri sul livello del mare. Il nuovo aeroporto é costato 1,58 miliardi di yuan (circa 193 milioni di euro), progettato per ospitare 280.000 passeggeri all'anno e per convogliare il turismo verso la vicina riserva naturale di Yading.

Negli ultimi anni la Cina ha investito diversi miliardi per ammodernamento i vecchi aeroporti e costruirne di nuovi, soprattutto nelle remote regioni occidentali del Paese.


Perfezionare le comunicazioni in Tibet poi, purtroppo lo sappiamo bene, è un operazione determinante per il governo cinese. Quella terra è un vanto da conquistare nel tempo più breve, per il turismo e per la politica interna.

In Tibet gli aeroporti hanno infatti anche un obiettivo militare, perché permettono un rapido invio di militari in caso di rivolte o tensioni con la popolazione locale. La stessa Garzi negli ultimi tre anni e' stata teatro di decine di auto-immolazioni per protestare contro il governo cinese negli ultimi tre anni.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 15 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO