Lisbona: La Torre de Belém

La Torre di Belèm

La Torre de Belém è una meta imperdibile per chi visita Lisbona: questo monumento all'età delle scoperte, quando il Portogallo dominava la scena delle colonizzazioni, venne costruito dal 1515 al 1521 nel luogo dove, alla foce del fiume Tago (Tejo in portoghese), le caravelle partivano per attraversare l'Atlantico.

La Torre era parte di un sistema difensivo composto da tre torri (che sostituirono le navi) atte a proteggere la foce del Tago e la città di Lisbona, ed in effetti, guardando la posizione della torre, è evidente lo scopo difensivo. L'architetto Francisco de Arruda fuse due stili, quello moro e quello gotico: il risultato è una torre dalle fattezze medievali ma molto "decorata", e un cortile e delle mura atte ad ospitare cannoni, cosa che ricorda, più che un castello, la stiva di una nave da guerra dell'epoca.

Oggi, entrando si accede all'armeria - con i suoi cannoni ancora al loro posto sulle feritoie -, si sale poi sulla prima terrazza d'osservazione, e poi sulla torre vera e propria, composta da quattro piani con altrettante stanze: la sala del governatore, la sala del re, la sala delle audienze ed infine la cappella, dalla quale si arriva alla terrazza sulla sommità della torre. Tutte le sale e le pareti esterne sono riccamente decorate con statue cristiane, stemmi navali e reali, e si evince una certa influenza, come detto, dell'architettura moresca, evidente ad esempio nelle ringhiere delle terrazze.

Foto | Bert K

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: