Easyjet, passeggero critica via Twitter: rischia di non essere imbarcato

Il caso ha suscitato numerose polemiche, ma la compagnia ha negato di vietare l'accesso a bordo per i commenti sui social network

Martedì sera Mark Leiser, avvocato e dottorando alla Strathclyde University di Glasgow, doveva prendere un volo della compagnia low cost Easyjet da Glasgow a Londra. Il decollo era previsto per le 21.20, ma la partenza è stata spostata di novanta minuti. Mark ha commentato quanto successo Twitter. Al gate, tra le altre persone, c'era un militare, e Easyjet si sarebbe rifiutata di aiutarlo ad arrivare a Portsmouth.


A questo punto è successo qualcosa di insolito: secondo quanto raccontato dal giovane, sembra che un manager di Easyjet gli abbia detto che avrebbe potuto non salire a bordo, per aver criticato la compagnia. E avrebbe aggiunto

"Sei un avvocato, sai che non puoi twittare cose simili e aspettarti di salire su un volo Easyjet"

Mark ha pubblicato il tutto in altri tweet:






Alla fine Mark è stato comunque ammesso a bordo, dopo che tutti gli altri passeggeri erano stati imbarcati. E ha raccontato quanto successo all'Independent.

Le polemiche non si sono fatte attendere. La compagnia però ha fatto sapere (sempre attraverso il mezzo incriminato, Twitter) di non aver mai negato l'imbarco a causa di commenti fatti su social network. L'unico caso in cui è possibile negare l'imbarco infatti è a causa di comportamenti di disturbo.






Via | Independent

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail