L'Enac indaga sulla denuncia di un passeggero italiano contro la Ryanair

Aereo della Ryanair
L'ENAC ha avviato una indagine per verificare i fatti denunciati da un passeggero italiano che sostiene di aver subito la frattura dell'omero (il signor Angelo è affetto da un tumore che provoca l'indebolimento delle ossa), a seguito dell'intervento maldestro di un poliziotto catalano, chiamato dal comandante di un aereo della Ryanair per far scendere il passeggero, in quanto persona non gradita a bordo.

Al momento si è capito che al sig. Angelo, in partenza da Barcellona, era stato assegnato un posto in 32° fila, lontano dalla moglie e nipote che viaggiano con lui, perché vicino all'uscita di sicurezza, come previsto dal protocollo per i passeggeri che richiedono l'assistenza garantita. La sistemazione non sarebbe stata gradita al passeggero, e da questo ne sarebbe scaturita una animata discussione, con la richiesta del comandante dell'intervento della polizia per far sbarcare il sig. Angelo, come persona non gradita.

Foto | silvyn.

Il patatrac sarebbe coinciso con l'intervento della polizia, ma stando alle dichiarazioni di Mc Namara rilasciate al Corriere della Sera, durante le successive due ore di viaggio (il sig. Angelo nel frattempo si era calmato ed aveva seguitole istruzioni che gli venivano impartite) il personale viaggiante non avrebbe notato alcun sintomo di sofferenza.

Sbarcato a Roma il passeggero si è recato in ospedale dove gli è stata riscontrata la frattura dell'omero. Mentre Rynaair conclude con le scuse agli altri passeggeri perché "il disguido avuto con questi passeggeri ha causato un episodio che ha portato a 2 ore di ritardo per i 150 passeggeri a bordo", ed il sig. Angelo denuncia la compagnia e raccoglie le testimonianze degli altri passeggeri che, a suo dire, "protestavano dicendo ai poliziotti di lasciarmi stare", l'ENAC ha avviato una propria indagine conoscitiva.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: