Nasce il glamping, ovvero il campeggio glamour

Un tradizionale "campeggio" in Tibet

Il campeggio: il contatto con la natura, montare le tende, dormire nei sacchi a pelo, combattere con le zanzare e gli altri insetti, cucinarsi da soli con un fornellino a gas, accendere un fuoco... a voi decidere quali di queste cose siano positive e quali negative. Se avete deciso che l'unica cosa positiva è "contatto con la natura" ma fareste volentieri a meno di tutto il resto continuate a leggere...

Da un po' di tempo in rete (anticipati di anni dal nostro Outdoorblog) sono spuntati come funghi siti dedicati al "glamping", un nuovo modo di intendere il campeggio, che viene così, ad onor del vero, alquanto snaturato: che ne direste ad esempio di dormire in una tenda ma con i comfort di un hotel, tipo che so, letti al posto dei sacchi a pelo, elettricità, internet wi-fi e magari anche una vasca idromassaggio ed un maggiordomo?

I puristi del campeggio saranno inorriditi, ma se si dimentica il fatto che tutto ciò viene spacciato per "camping" quel che rimane è in ogni caso una opportunità di vacanza interessante: se la cosa vi stuzzica vi segnalo Goglamping, buon punto di partenza per capire cosa aspettarsi da una vacanza del genere.

Foto | mckaysavage

  • shares
  • Mail